Criptovalute: anche Israele sta lanciando la propria mentre i prezzi crollano ancora

Israele ha già condotto un test pilota su una criptovaluta “siclo digitale”. Ad annunciarlo, forse inavvertitamente, il vice governatore della Banca d’Israele Andrew Abir, in una recente conferenza all’IDC Herzliya Fair Value Forum.

Verso la fine di una tavola rotonda, Abir ha affermato che la Banca d’Israele aveva già avviato un progetto pilota di valuta digitale. Un altro membro del panel è apparso alquanto sorpreso e ha così chiesto: “Avete già emesso una moneta?” Abir ha risposto affermativamente.

Tuttavia, Abir ha affermato di non essere ottimista sul fatto che una tale valuta digitale della banca centrale (CBDC) possa mai essere lanciata.

“In precedenza avevo stimato che la possibilità di avere un CBDC entro cinque anni è del 20%”, ha affermato Abir. “La mia stima è leggermente aumentata nell’ultimo anno, principalmente perché anche altri paesi stanno andando avanti. Ma c’è ancora meno del 50% di possibilità. “

A maggio, la Banca d’Israele ha dichiarato che stava preparando un piano d’azione su come offrire una valuta digitale. Il concetto di emissione di tale moneta è in discussione dal 2017, ma ha deciso di accelerare la sua ricerca e preparazione alla potenziale emissione “in considerazione dei rapidi sviluppi dell’economia e dei pagamenti digitali, e in vista delle principali banche centrali” lavorare sulla questione».

Se volete iniziare a investire in criptovalute potete affidarvi a broker come eToro che consentono di negoziare sulle principali criptovalute ed offrono servizi molto interessanti come il copy trading.

Criptovaluta Israele come sarà

Un CBDC farebbe affidamento su tecnologie di contabilità distribuita come la blockchain, ma sarebbe diverso dalle criptovalute popolari di oggi, incluso il bitcoin.

La differenza più importante è che mentre le criptovalute non appartengono a nessun paese specifico e alcune sono caratterizzate dall’assenza di un’autorità centrale per gestirle, una CBDC emessa dalla banca centrale di un paese sarebbe regolamentata dalle autorità statali competenti.

“L’opzione per un CBDC è ancora in esame e quando abbiamo rilasciato la nostra dichiarazione il mese scorso, non era per dire cosa stiamo facendo, ma piuttosto per condividere ciò che non sappiamo e ottenere feedback dal pubblico”, ha affermato Abir.

Negli ultimi anni, ci sono stati cambiamenti significativi e molto rapidi nel mercato dei pagamenti in Israele e all’estero. Sebbene nessuna banca centrale in un’economia avanzata abbia ancora annunciato la decisione di lanciare un progetto che porterebbe all’emissione di una valuta digitale, di recente c’è stato un apparente cambiamento globale sulla questione.

E le banche centrali in una serie di importanti le economie hanno iniziato a esplorare la possibilità di emettere una CBDC insieme ai mezzi di pagamento esistenti.

La Banca d’Israele è più interessata a stare al passo con le tendenze globali emergenti, ha affermato Abir.

“Il sistema di pagamento in Israele è indietro di almeno un decennio rispetto ad altri paesi”, ha affermato. “Ma nell’ultimo anno abbiamo iniziato a colmare il divario con l’implementazione dell’infrastruttura che consente pagamenti contactless e l’ingresso di portafogli digitali”.

Siamo nel bel mezzo di un processo tecnologico dirompente e non sappiamo chi saranno i vincitori. Saranno le banche, le società di carte di credito, il fintech o le grandi aziende tecnologiche? Ci saranno cambiamenti nei prossimi anni di cui non siamo ancora a conoscenza. Ma è chiaro che l’ambiente tra cinque anni non sarà più lo stesso di oggi”.

Abir è però anche convinto che le criptovalute non prenderanno il posto delle banche centrali.

“Mi dispiace dirtelo, ma non eliminerà le banche”, ha detto. “Nessuna banca centrale introdurrà una valuta digitale per questo scopo. Tuttavia, le banche svolgeranno un ruolo importante nell’intero sistema dei pagamenti.

“Un’altra cosa che potrebbe deluderti è che qualsiasi valuta digitale di una banca centrale non sarebbe progettata come una sorta di copertura contro bitcoin. Quello di cui stiamo parlando è un sistema di pagamento. Bitcoin non è un sistema di pagamento e non è una valuta. Nel migliore dei casi, è un asset finanziario e, nel peggiore dei casi, è una truffa piramidale”, ha concluso Abir.

Il lunedì nero delle criptovalute

Intanto, lunedì 21 giugno è stato un “lunedì nero” per le criptovalute.

DogeCoin è sceso di oltre il 30%, a 17,6 centesimi. È un enorme calo dal suo massimo stratosferico di 70 centesimi ad aprile. Bitcoin è a 31.500$, in calo di poco più del 10%, mentre Ethereum è crollato del 15%.

La caduta di Ether ha colpito migliaia di altcoin, la maggior parte delle quali sono costruite sulla blockchain di Ethereum e hanno una parte del loro valore ponderata in monete Ether. Soprattutto quelle che fanno parte della Finanza Decentralizzata (DeFi) e utilizzano Ethereum per il proprio sistema. L’intero mercato è in calo del 12%.

Per quale motivo? A quanto pare, sempre a causa della Cina.

A maggio, i funzionari cinesi hanno riaffermato un vecchio divieto che vieta alle società finanziarie di aiutare attivamente nell’estrazione e nella vendita di criptovalute. Ha causato un grande calo, ma gli appassionati di criptovalute hanno alzato le spalle dicendo che il divieto non è una novità, che era stato sancito nel 2013 e poi applicato in modo sparso.

Lunedì, tuttavia, le mosse eseguite dalla Cina hanno lasciato intendere che la legge sarebbe stata applicata molto più seriamente. Banche chiave e società di servizi finanziari come Alipay hanno partecipato a un incontro della banca centrale cinese, riporta il South China Morning Post, dove è stato detto loro di reprimere il commercio di criptovalute.

È arrivato giorni dopo che le autorità regionali hanno ordinato la chiusura di 26 attività minerarie nel Sichuan.

“Le transazioni in valuta virtuale e l’attività speculativa hanno interrotto il normale ordine dell’economia e del [sistema] finanziario”, ha affermato la banca centrale in una dichiarazione sul suo sito web. “Aumentano i rischi di trasferimenti transfrontalieri illegali di beni e attività illegali come il riciclaggio di denaro”.

La natura decentralizzata della criptovaluta è un anatema per l’attenzione del Partito Comunista Cinese sulla stabilità e sul controllo. Sebbene eviti Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute, la Cina sta lavorando per lanciare la propria valuta digitale, l’e-yuan.

Ban criptovalute della Cina porterà a rialzi?

Gli appassionati di Bitcoin ci vedono però il bicchiere mezzo pieno. Infatti, stanno confrontando ciò con quanto accadde con Google, il cui prezzo delle azioni ha continuato a prosperare dopo essere stato bandito nella Repubblica popolare nel 2010.

Dicono che la Cina trascura le criptovalute a proprio rischio e che questo sarà positivo a lungo termine per gli Stati Uniti.

I possessori di DogeCoin sono meno tranquilli. Il memecoin è entrato nell’anno con un valore inferiore a un centesimo ed è stato pompato da Elon Musk e da un ironico movimento di Internet che sperava di portarlo a 10 centesimi, simile al movimento che cercava di portare le azioni di GameStop a $ 1.000.

L’obiettivo dei 10 centesimi è stato raggiunto ad aprile e poi completamente eclissato nel mese successivo. Con l’hype che si è costruito attorno a un potenziale annuncio di Musk al SNL, il memecoin ha raggiunto i 73 centesimi.

Dopo che Musk si è riferito a DogeCoin come “un trambusto”, il suo valore è crollato, una tendenza che è continuata nell’ultimo mese.

Vi aggiorneremo sulla situazione di Bitcoin e sulla questione Cina-criptovalute. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Per iscriverti su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here