Tom Brady investe in criptovalute: leggenda NFL farà crescere Bitcoin?

In questi ultimi mesi, abbiamo imparato ancora di più quanto i Vip possano incidere sulla vita e sulla morte delle criptovalute.

Elon Musk ha fatto scuola in questo, prima sponsorizzando Bitcoin e Dogecoin a colpi di tweet, decretandone quindi il rialzo di prezzo. E poi affossandole sempre a colpi di tweet non proprio entusiastici sugli stessi.

Tom Brady farà lo stesso? Parliamo del 7 volte campione del Super Bowl, quindi non una figura del tutto trascurabile.

In una intervista video preregistrata con il fondatore di FTX Sam Bankman-Fried, ha ammesso di essere “un grande sostenitore delle criptovalute”. Sebbene non abbia condiviso dettagli specifici su quali risorse crittografiche siano oggetto dei suoi investimenti.

Il quarterback dei Tampa Bay Buccaneers, è entrato solo di recente nel mondo ammaliante delle criptovalute, lanciando la piattaforma di token non fungibili (NFT) Autograph il mese scorso. Inoltre, ha modificato la propria immagine del profilo Twitter con un meme degli occhi laser Bitcoin poco dopo.

Tuttavia Brady – che ricordiamo ha vinto 6 dei suoi titoli del Super Bowl con i New England Patriots – ha anche ammesso di non essere proprio un neofita di criptovalute e di non esserci entrato solo da un mese. Ma di aver già intavolato degli investimenti in precedenza.

Anzi, Brady ritiene che le conversazioni sulle criptovalute avvengono anche sul lavoro, avendo parlato con uno dei suoi allenatori sull’argomento per 8-9 mesi. Per esempio, come stanno andando i prezzi delle criptovalute, come sta andando quel mondo in generale, ecc.

Ha perfino paragonato il suo consenso allo spazio crittografico al suo approccio alla salute e al benessere.

“Sono stato qualcuno che ha deciso di trattare il mio corpo in modo diverso rispetto al modo in cui lo trattavano tutti gli altri”, ha detto Brady, che gestisce anche la propria attività sanitaria.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Nell’NFL già alcuni giocatori pagati in Bitcoin

Alcuni campioni dell’NFL, come l’attaccante free agent Russell Okung, il tight end free agent Sean Culkin e il quarterback free agent Matt Barkley, si sono già fatti pagare in Bitcoin. Ma Brady non è interessato alla cosa.

Quando era con i Carolina Panthers, Okung si assicurò un accordo in base al quale i Panthers avrebbero inviato metà del suo stipendio alla startup crittografica Zap. Che l’avrebbe poi convertita in BTC.

E’ il momento degli NFT nello sport?


Culkin in seguito si assicurò un accordo simile mentre era sui Kansas City Chiefs, ma fu tagliato poco dopo. Ad oggi, nessun giocatore della National Football League è stato pagato direttamente in criptovaluta dalla propria squadra.

Tom Brady spiega perché: “Alla fine della giornata, tecnicamente ciò non può accadere, le squadre non possono pagare i loro atleti in bitcoin ma lo fanno in dollari”.

Tuttavia, Brady non esclude questa strada in futuro, perché le criptovalute saranno sempre più parte della nostra vita.

Nell’intervista, il campione Nfl spiega l’importanza delle criptovalute: “Stiamo imparando sempre di più su questi mercati emergenti (…) Il mondo sta cambiando (…) e tu puoi scegliere di essere davanti alla curva o dietro di essa, e io scelgo di essere davanti ad essa.”

Bankman-Fried, che ha recentemente acquistato i diritti sui nomi per lo stadio dei Miami Heat tramite FTX, ha affermato che è difficile per le persone che sono “incollate allo schermo a guardare l’azione dei prezzi” distogliere lo sguardo, ma consiglia ai trader di farlo comunque.

NFT nuova frontiera per investitori ed artisti

Egli crede fortemente negli NFT, tanto che ritiene possano rappresentare la “prossima generazione di interazione tra celebrità” e marchi con i loro fan.

Ha detto di aver lanciato Autograph per far parte della comunità crittografica e, che spera renda più facile per celebrità o per i marchi famosi di creare oggetti da collezione per i loro attuali fan.

“Quando ero bambino, ero un grande collezionista di figurine da baseball. Ora compendo che i ragazzi di oggi nell’era digitale vorranno così tante cose a loro disposizione sui loro dispositivi, che è una grande opportunità essere coinvolti in questi oggetti da collezione unici. Ma davvero per offrire grandi esperienze a diversi fan e collezionisti”, ha aggiunto entusiasta Brady.

In effetti, gli NFT rappresentano non solo la nuova opportunità di investimento per le criptovalute, ma anche una nuova chance per chi promuove prodotti culturali.

Infatti, grazie ad essi si scavalcano problemi relativi ai canali di diffusione, ai costi di intermediazione, ecc. Chiunque che voglia creare un qualsivoglia prodotto culturale può lanciarlo in formato digitale, senza dover attendere qualcuno che gli conceda degli spazi.

Certo, ci sono ancora problemi da superare, soprattutto riguardo il rischio delle copie e l’autenticazione.

Ora per esempio, Anima, una piccola startup creativa di criptovalute creata dai fondatori dell’app per foto / video Ultravisual, che Flipboard ha acquisito nel 2014, sta cercando di utilizzare l’AR per cambiare il modo in cui l’arte e gli oggetti da collezione NFT possono essere visualizzati e condivisi.

La loro ultima impresa è uno sforzo per aiutare gli artisti a portare le loro creazioni digitali su un palcoscenico digitale più grande e aiutare a scoprire come sarà il futuro degli NFT nella realtà aumentata.

La startup ha messo insieme un piccolo round di pre-seed da $ 500K da Coinbase Ventures, Divergence Ventures, Flamingo DAO, Lyle Owerko e Andrew Unger.

“Poiché le NFT si allontanano dall’essere un mercato più speculativo in cui si tratta solo di ritorni sui tuoi acquisti, penso che sia salutare e sia positivo per noi, in particolare perché vogliamo rendere le cose più accessibili”, afferma il co-fondatore Alex Herrity.

Vi aggiorneremo sulle novità sulle piattaforme NFT. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Per iscriverti su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here