Tether preoccupa la Federal Reserve, intanto la Giamaica lancia sua criptovaluta?

Anche la Giamaica si fa la sua criptovaluta statale? Sembra infatti che la banca centrale della Giamaica inizierà il lancio iniziale del suo progetto di valuta digitale della banca centrale (CBDC) ad agosto 2021.

Secondo un rapporto di Jamaica Observer, il governatore della Bank of Jamaica (BOJ) Richard Byles lo ha reso noto durante un evento del Rotary Club all’inizio di luglio.

Descrivendo in dettaglio i piani per iniziare la fase pilota ad agosto, Byles ha rivelato che la BOJ stava attualmente lavorando agli aspetti tecnici del CBDC all’interno di un ambiente sandbox.

Come precedentemente riportato da Cointelegraph, la BOJ ha scelto la società tecnologica irlandese eCurrency Mint come fornitore di tecnologia per il suo progetto di valuta digitale nazionale a marzo.

La società di sicurezza crittografica con sede in Irlanda è stata scelta da un elenco di fornitori di soluzioni che hanno iniziato a presentare domanda per il progetto nel luglio 2020.

Byles ha spiegato le fasi del procedimento.

“Mentre lavoriamo attraverso il conio tecnico della valuta, dobbiamo testarlo rigorosamente come pilota che faremo ad agosto”. Poi ha aggiunto: “Da settembre a dicembre recluteremo più banche per l’adesione e poi espanderemo gradualmente il progetto pilota in un vero e proprio lancio del CBDC”.
Il governatore della BOJ ha anche fornito maggiori dettagli sulla CBDC pianificata, affermando che le istituzioni finanziarie fungeranno da intermediari tra la banca centrale e i consumatori, sia al dettaglio che aziendali.

Con il CBDC progettato per integrare le banconote della Giamaica, le istituzioni finanziarie saranno in grado di emettere la valuta digitale ai titolari di conti privati e aziendali al tasso di una “moneta” CBDC per un dollaro giamaicano.

Byles ha anche affermato il piano della BOJ di utilizzare la CBDC come piattaforma per fornire servizi finanziari alla popolazione non bancaria.

A questo proposito, il governatore della banca centrale ha chiesto l’assistenza delle società di telecomunicazioni del paese e della loro significativa rete di commercianti di pagamenti al dettaglio.

Centro e Sud America stanno diventando forieri di esperimenti del genere. Dopo il primo tentativo fallito del Venezuela, ci sono riuscite le Bahamas, diventate uno dei primi paesi a lanciare un CBDC nell’ottobre 2020.

Altrove nei Caraibi, la Eastern Caribbean Currency Union ha recentemente lanciato la sua valuta digitale DCash in quattro degli otto stati membri dell’unione monetaria.

Infine, anche l’Ecuador ha lanciato la sua criptovaluta per sganciarsi dal dollaro americano.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Tether preoccupa diversi analisti

Come noto, Tether è la terza criptovaluta al mondo per capitalizzazione di mercato, dietro solo a Bitcoin e Ethereum. Ma alcuni economisti, tra cui il funzionario della Federal Reserve americana, si dicono preoccupati da essa.

Ecco la quotazione attuale:



Lo scorso giugno, il presidente della Fed di Boston Eric Rosengren aveva lanciato un allarme sul tether, definendolo un potenziale rischio per la stabilità finanziaria.

Ed alcuni investitori ci aveva già visto un Black snow che avrebbe provocato il crollo del prezzo della criptovaluta.

Da dove arrivano queste preoccupazioni? Cerchiamo di capirle di seguito.

Tether cos’è

Tether è una criptovaluta, come detto la terza moneta digitale più grande al mondo per valore di mercato. Ma è molto diversa da bitcoin e altre valute virtuali.

Tether è infatti una stablecoin. Si tratta di valute digitali legate alle risorse del mondo reale, ad esempio il dollaro USA, per mantenere un valore stabile, a differenza della maggior parte delle criptovalute che sono note per il loro essere volatili.

Tether può far crollare tutto il mercato delle criptovalute?

Tether è stato progettato per essere ancorato al dollaro. Mentre altre criptovalute spesso fluttuano di valore, il prezzo di Tether è solitamente equivalente a $ 1. Tuttavia, non è sempre così e le oscillazioni del valore di tether hanno spaventato gli investitori in passato.

I trader di criptovalute usano spesso il tether per acquistare criptovalute, in alternativa al biglietto verde. Questo essenzialmente fornisce loro un modo per cercare sicurezza in un asset più stabile durante i periodi di forte volatilità nel mercato delle criptovalute.

Tuttavia, le criptovalute non sono regolamentate e molte banche evitano di fare affari con gli scambi di valuta digitale a causa del livello di rischio coinvolto. È qui che entrano in gioco le stablecoin.

Cosa preoccupa gli economisti

Alcuni investitori ed economisti sono preoccupati che l’emittente di Tether non abbia abbastanza riserve in dollari per giustificare il suo ancoraggio al dollaro.

A maggio, Tether ha abbattuto le riserve per la sua stablecoin. L’azienda ha rivelato che solo una parte delle sue partecipazioni – il 2,9% per l’esattezza – era in contanti, mentre la stragrande maggioranza era in carta commerciale, una forma di debito non garantito a breve termine.

Ciò collocherebbe Tether tra i primi 10 maggiori detentori di carta commerciale al mondo, secondo JPMorgan. Tether è stato paragonato ai tradizionali fondi del mercato monetario, ma senza alcuna regolamentazione.

Con oltre 60 miliardi di dollari di token in circolazione, Tether ha più depositi di quelli di molte banche statunitensi.

Ci sono state a lungo preoccupazioni sul fatto che il tether venga utilizzato per manipolare i prezzi dei bitcoin, con uno studio che afferma che il token è stato utilizzato per sostenere bitcoin durante il calo dei prezzi chiave nel suo mostruoso rally del 2017.

All’inizio di quest’anno, l’ufficio del procuratore generale di New York ha raggiunto un accordo con Tether e Bitfinex, uno scambio di valuta digitale affiliato.

Egli infatti aveva accusato le aziende di aver spostato centinaia di milioni di dollari per coprire 850 milioni di dollari di perdite.

Tether e Bitfinex hanno accettato di pagare $ 18,5 milioni nell’accordo e sono stati esclusi dall’operare nello stato di New York, tuttavia le società non hanno ammesso alcun illecito.

Se Tether crolla gravi ripercussioni economiche

Gli analisti di JPMorgan avevano già precedentemente avvertito che un’improvvisa perdita di fiducia in Tether potrebbe comportare un “grave shock di liquidità per il più ampio mercato delle criptovalute”.

Ma ci sono anche preoccupazioni che un improvviso aumento dei prelievi di tether potrebbe portare a un potenziale contagio del mercato, colpendo le attività oltre le criptovalute.

A giugno, Rosengren ha menzionato tether e altre stablecoin come uno dei numerosi potenziali rischi per la stabilità finanziaria.

“Queste stablecoin stanno diventando più popolari”, ha detto durante una presentazione.

“Una crisi futura potrebbe facilmente essere innescata in quanto questi diventano un settore più importante del mercato finanziario, a meno che non iniziamo a regolamentarli e ad assicurarci che ci sia effettivamente una stabilità molto più stabile per ciò che viene commercializzato al pubblico come stablecoin”, Rosengren ha aggiunto.

La scorsa settimana, Fitch Ratings ha avvertito che un improvviso riscatto di massa di token tether potrebbe destabilizzare i mercati del credito a breve termine.

Queste le sue parole:

“Meno rischi sono posti dalle monete che sono completamente supportate da attività sicure e altamente liquide, sebbene le autorità possano ancora essere preoccupate se l’impronta è potenzialmente globale o sistemica. Mentre le stablecoin che utilizzano riserve frazionarie o adottano un’allocazione di attività a rischio più elevato possono affrontare un rischio maggiore”.

Vi aggiorneremo sulla situazione di Tether. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here