Ripple, la piccola Palau pronta a lanciare propria stablecoin basata su XRP

Non sarà la Cina, né la Russia, né gli Stati Uniti. E nemmeno El Salvador che lo ha fatto concretamente o la Nigeria che è ad un passo. Tuttavia, ogni stato che lancia una stablecoin gestita dal governo è sempre acqua al mulino delle criptovalute.

Palau – piccolo stato insulare sito nell’Oceano Pacifico, con una popolazione di circa 18.000 abitanti – situato a circa 900 km a ovest delle Filippine, ha in serbo di guidare l’adozione ufficiale e l’approvazione delle criptovalute.

Nell’ambito di una partnership con la società di criptovalute Ripple con sede negli Stati Uniti, Palau sta esplorando i piani per lanciare la prima stablecoin nazionale al mondo supportata dal governo nella prima metà del 2022.

Mentre girano sulla stessa tecnologia di registro digitale, o blockchain, come altre criptovalute, le stablecoin differiscono dalle altre valute digitali per avere il loro valore ancorato a una risorsa del mondo reale come il dollaro USA.

Per i sostenitori delle stablecoin, ciò offre alle valute digitali un vantaggio rispetto alle criptovalute notoriamente volatili come Bitcoin, il cui prezzo è oscillato tra $ 5.000 e $ 65.000 solo negli ultimi 20 mesi.

XRP è una delle principali criptovalute per capitalizzazione oltre ad essere una delle più cercate di tutto il settore.

E’ possibile negoziare su Ripple anche sulla piattaforma di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito)..

Si tratta di uno dei broker più apprezzati in assoluto anche grazie alla funzione di Copy trading che l’ha reso celebre. Questa consente infatti di copiare dai migliori trader in pochi passaggi. Per aprire un conto reale bastano appena 50$.

Per attivare un conto gratuito su eToro clicca qui per il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Perché Palau vuole lanciare una sua stablecoin

Il presidente del Palau, Surangel Whipps, Jr ha propagandato l’adozione di una stablecoin come un modo per rendere la vita più comoda per i cittadini e diversificare l’economia lontano dal turismo, che prima della pandemia rappresentava circa la metà del prodotto interno lordo (PIL).

Dietro questa scelta ci sarebbero anche ragioni di politica economica. Il PIL di Palau è diminuito dell’8,7 percento lo scorso anno, con un’ulteriore contrazione del 17,6 percento prevista nel 2021.

Secondo un rapporto della Graduate School USA, questo crollo è dovuto in gran parte a quello dei viaggi a causa del COVID-19.

La Banca asiatica per lo sviluppo ad aprile ha concesso al paese un prestito di 25 milioni di dollari per tenerlo a galla.

Ripple, che ha sede a San Francisco, si è impegnata a collaborare con Palau per esplorare “una stablecoin supportata dall’USD”, strategie per i pagamenti transfrontalieri e altre funzionalità utilizzando il suo XRP Ledger come un registro aziendale.

In un briefing con i media la scorsa settimana, Whipps ha affermato di prevedere che i cittadini acquistano beni nei negozi con i loro telefoni e i dipendenti del governo ricevono i loro stipendi istantaneamente invece di aspettare giorni per la transazione in banca.

Secondo i piani, che rimangono nelle prime fasi dopo la firma di un memorandum d’intesa il mese scorso, la valuta digitale di Palau sarebbe supportata dal dollaro USA.

Palau, che è un paese indipendente ma fa affidamento sugli Stati Uniti per gli aiuti e la sicurezza nell’ambito di un Compact of Free Association, non ha una propria valuta o banca centrale e utilizza il dollaro USA come valuta ufficiale.

Criptovaluta centralizzata a Palau: i rischi

Tuttavia, c’è una notevole ambiguità su ciò che risulterà dalla partnership di Palau con Ripple – una realtà riconosciuta dallo stesso leader di Palau, che ha descritto il “primo passo” come ottenere “più informazioni possibili” per “elaborare un piano e sfruttarlo”.

Ongerung Kambes Kesolei, editore del quotidiano Tia Belau, ha detto ad Al Jazeera che mentre l’idea di tecnologie emergenti potrebbe entusiasmare alcune persone nel paese, la maggior parte non aveva idea di come funzionasse la criptovaluta.

“È un’industria altamente volatile, ma se funzionerebbe, la giuria è ancora là fuori”, ha detto Kesolei.

Esiste un mercato delle criptovalute, ma ancora molti paesi in tutto il mondo sono scettici o in un atteggiamento attendista. Nessun paese si sta immergendo completamente, il che dimostra che questo settore economico è ancora nella sua fase iniziale di sviluppo, quindi dire che funzionerebbe non si può dire in questo momento”.

Lord Fusitu’a, un sostenitore della criptovaluta che siede in parlamento nella nazione di Tonga, nell’isola del Pacifico, ha detto ad Al Jazeera che era pericoloso mettere la valuta digitale di un paese nelle mani di una società privata.

La prima stablecoin al mondo non è un onore, non me ne vanterei perché stai effettivamente mettendo il tuo paese in balia dell’inflazione del dollaro USA, ma senza ottenere nessuno dei suoi benefici“, ha detto Fusitu’a.

Poi ha proseguito: “E lo stai legando a una valuta digitale che è di proprietà di una società privata, per la quale le persone a Palau non hanno votato. Questa è un’azienda privata e le aziende private hanno una sola funzione, ed è quella di realizzare un profitto per se stesse“.

Fusitu’a ha anche messo in dubbio la scelta di Ripple, che la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha portato in tribunale per presunta violazione delle regole contro la negoziazione di titoli non registrati.

Ripple ha negato le accuse della SEC, sostenendo che le sue monete digitali non sono titoli ai sensi della legge.

Criptovalute centralizzate: perché le lanciano solo i piccoli paesi?

In effetti, non è un caso che i principali paesi non abbiano ancora messo in pratica qualcosa del genere.

Ross Buckley, un esperto di FinTech e valute digitali presso l’Università del New South Wales a Sydney, cerca di dare una risposta. Sottolineando come paesi quali Cina, Regno Unito e Canada devono ancora lanciare valute digitali ufficiali nonostante anni di ricerca e pianificazione.

Ad essi ci aggiungiamo pure la Russia, che nel 2017, proprio come la Cina, aveva avviato il progetto per lanciare il CryptoRublo sulla base di Ethereum, ma per ora non si è visto nulla di concreto. Mentre gli Usa hanno iniziato a parlarne da qualche mese, anche perché allarmati dal fatto che alcuni paesi che dipendono dal dollaro – proprio come El Salvador – si stiano discostando da esso grazie a criptovalute gestite da una banca centrale.

È una cosa molto complicata da fare perché cambia i fondamenti dell’economia in modo abbastanza profondo“, ha aggiunto Buckley. Affermando che sarebbe ancora più difficile per un paese senza una banca centrale.

Ripple favorita dal progetto di Palau?

Ripple è una criptovaluta nata nel 2013, che ha fin da subito presentato delle anomalie rispetto alle altre cryptocurrency.

Visto che è una criptovaluta centralizzata e controllata dai Ripple Labs con sede a San Francisco. Sia perché ha quasi fin da subito collaborato con banche e money transfers. Quando non utilizzavano alcuna criptovaluta, neppure il Bitcoin.

Ciò che ha sempre favorito Ripple è stata l’alta scalabilità e le commissioni basse. Ma, sebbene le premesse ci fossero tutte, non è mai realmente esplosa a livello di prezzo. Pur mantenendo sempre una posizione nella Top 10 per capitalizzazione di mercato, per diverso tempo a ridosso o sul podio.

Al momento della scrittura, viaggia sugli 0,70 centesimi di dollaro ma questa notizia relativa a Palau potrebbe dare il giusto lancio. Anche perché di notizie simili potrebbero essercene altre.

Ripple e stablecoin considerazioni finali

Naturalmente vi terremo aggiornati su tutti i cambiamenti di prezzo di Ripple e altre criptovalute con le nostre news quotidiane.

Se volete investire in criptovalute in modo serio e sicuro potete utilizzare una delle migliori piattaforme a disposizione che è eToro, un broker regolamentato che offre tra le altre cose:

  • conto demo illimitato e gratuito
  • deposito più basso del settore
  • commissioni e spread basse
  • funzionalità avanzate di CopyTrading per copiare da altri investitori
Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here