Criptovalute inquinano meno delle Banche: la ricerca

Le criptovalute, oltre ad essere additate come asset finanziario “vuoto” e inaffidabile, frutto di mera speculazione, sono anche imputate di produrre un massiccio inquinamento.

Tuttavia, una recente ricerca ribalta questa tesi. Che tra le altre cose, avrebbe anche spinto Elon Musk a togliere la propria stima all’asset digitale, non accettandolo più per pagare le sue auto Tesla. Il che ha provocato crolli vistosi del Bitcoin e di Dogecoin.

Per saperne di più sul copytrading con le criptovalute clicca qui.

Criptovalute inquinano meno delle Banche

Secondo un rapporto della banca di criptovalute Galaxy Digital, Bitcoin consuma 114 TWh di energia elettrica all’anno, mentre il settore bancario consuma oltre 260 TWh.

Secondo lo studio, Bitcoin utilizza 113,89 TWh, inclusa l’energia consumata dai miner, l’infrastruttura dei servizi minerari e il consumo di energia dei nodi di rete.

Bitcoin consuma troppa energia ed inquina?

Galaxy Digital sottolinea che “il settore bancario non riporta direttamente il consumo di elettricità”, quindi stimarlo è stato molto più difficile di quello di Bitcoin, che è trasparente e facile da monitorare in tempo reale, utilizzando strumenti come il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index.

Il sistema finanziario tradizionale utilizza più livelli di insediamenti – a differenza di Bitcoin, che prevede il regolamento finale – e Galaxy Digital stima che i data center bancari, le filiali bancarie, i bancomat e i data center delle reti di carte utilizzino circa 263,72 TWh a livello globale.

Si tratta del 131,5% in più del consumo annuale stimato di Bitcoin di 113,89 TWh.

Il rapporto è stato pubblicato proprio dopo che il magnate della tecnologia e CEO del produttore di auto elettriche Tesla Inc (NASDAQ: TSLA), Elon Musk, ha annunciato che la società avrebbe smesso di accettare Bitcoin come mezzo di pagamento a causa di preoccupazioni ambientali.

La casa automobilistica ha implementato Bitcoin come opzione di pagamento a marzo dopo aver acquistato $ 1,5 miliardi di criptovaluta a febbraio.
Il tweet mediante il quale Elon Musk avrebbe affossato le criptovalute sarebbe il seguente:

“La criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo che abbia un futuro importante, ma questo non può avere un grande costo per l’ambiente”.

“Bitcoin è una tecnologia fondamentalmente nuova che non è un sostituto preciso di alcun sistema legacy”, prosegue il rapporto. “Bitcoin non è solo un livello di liquidazione, non solo una riserva di valore e non solo un mezzo di scambio. non nega che la rete Bitcoin consuma una notevole quantità di energia, ma questo consumo di energia è ciò che la rende così robusta e sicura “.

Galaxy Digital ha confrontato il consumo di energia della rete Bitcoin con quello del sistema bancario e dell’industria dell’oro, poiché la più grande criptovaluta viene spesso confrontata con le due. Il rapporto ha rilevato che le banche e l’oro consumano rispettivamente circa 263,72 TWh all’anno e 240,61 TWh all’anno, mentre Bitcoin consuma molta meno energia – 113,89 TWh all’anno.

Un recente rapporto di Galaxy Digital ha rilevato che la rete Bitcoin consuma meno della metà dell’energia consumata dalle industrie bancarie o che si occupano di oro.

Bitcoin sfrutterebbe l’energia che altri settori sprecherebbero

Dopo aver confrontato il consumo di energia di diversi settori con quello di Bitcoin, il rapporto è balzato a mostrare quanto sia vitale l’energia per la rete Bitcoin e come può aiutare il mondo a ridurre il suo inquinamento atmosferico.

“I critici spesso presumono che l’energia spesa dai minatori venga rubata da casi d’uso più produttivi o si traduca in un aumento del consumo di energia”, si legge.

“Ma a causa delle inefficienze nel mercato dell’energia, i minatori di bitcoin sono incentivati a utilizzare energia non rivale che potrebbe altrimenti essere sprecata o sottoutilizzata, poiché questa elettricità tende ad essere la più economica.”

Galaxy Digital ha anche dimostrato che una parte significativa della produzione mondiale di energia viene sprecata: circa 2.205 TWh all’anno, che è 19,4 volte quella della rete Bitcoin.

“Anche se le entrate associate al mining variano, i miner hanno il lusso della flessibilità, con la possibilità di accendere o spegnere le proprie apparecchiature in qualsiasi momento”, secondo il rapporto.

“Questo rende il mining di Bitcoin il pozzo di energia ideale: chiunque, ovunque, possono monetizzare l’energia in eccesso collegando le apparecchiature e spegnendole a loro piacimento. Un esempio di dove l’estrazione di Bitcoin funge da pozzo di energia è nei giacimenti petroliferi, con conseguente riduzione diretta delle emissioni di metano”.

Secondo il rapporto, i giacimenti petroliferi attualmente generano circa il 40% dell’energia mondiale. Tuttavia, spesso producono metano come sottoprodotto, i cui effetti serra sono 25 volte più dannosi per l’ambiente di quelli di una quantità equivalente di anidride carbonica.

“Il mining di bitcoin offre una soluzione”, suggerisce il rapporto. “Aziende come Great American Mining, Upstream Data e Crusoe Energy Systems stanno costruendo infrastrutture per catturare questo metano nella testa del pozzo e utilizzare il gas altrimenti sprecato per estrarre bitcoin. Ciò significa che i produttori di petrolio possono garantire una riduzione delle emissioni di 24 volte rispetto allo sfiato di quel metano nell’atmosfera” conclude il rapporto di Galaxy Digital.

Vi aggiorneremo sulle novità su Bitcoin. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Per iscriverti su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here