Criptovalute: la CIA vuole metterci lo zampino, quali conseguenze?

La longa manus della CIA – da sempre capace di interferire con gli affari politici interni degli altri paesi, vicini e lontani, tra cui il nostro – non poteva restare indifferente alle criptovalute.

In una rivelazione che non dovrebbe sorprendere nessuno, il capo della CIA ha confermato che l’agenzia di intelligence ha molteplici progetti relativi alle stesse.

Voci, spesso non del tutto fondate, sono circolate da tempo secondo cui i creatori anonimi della criptovaluta di punta bitcoin potrebbero avere legami con la comunità dell’intelligence. Mentre un sentimento più comune tra i fan delle criptovalute è che il governo degli Stati Uniti sia in agguato sullo sfondo, in attesa di mostrare i muscoli su tutto il crypto universo.

Tuttavia, come segnalato da Motherboard, lunedì il direttore della CIA William Burns ha definito il coinvolgimento dell’agenzia nei confronti dei partecipanti al vertice del CEO del Wall Street Journal solo come relativamente recente.

Le criptovalute stanno destando grosso interesse nell’ultimo anno grazie alla crescita di Bitcoin e della finanza decentralizzata.

E’ possibile negoziare sulle principali criptovalute sulla piattaforma di eToro (clicca qui

per attivare un conto demo gratuito)..

Si tratta di uno dei broker più apprezzati in assoluto anche grazie alla funzione di Copy trading che l’ha reso celebre. Questa consente infatti di copiare dai migliori trader in pochi passaggi. Per aprire un conto reale bastano appena 50 euro.

Per attivare un conto gratuito su eToro clicca qui per il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

CIA e criptovalute, cosa succede

Questo è qualcosa che ho ereditato“, ha detto Burns al pubblico. “Il mio predecessore aveva iniziato questo, ma aveva avviato una serie di progetti diversi incentrati sulla criptovaluta e cercando di guardare anche alle conseguenze di secondo e terzo ordine e aiutando con i nostri colleghi in altre parti del governo degli Stati Uniti a fornire solide informazioni anche su quello che stiamo vedendo.”

Che la CIA sia interessata alle criptovalute non è certo qualcosa che deve sorprendere. Dopotutto, la crittografia, su cui si basa la tecnologia blockchain che alimenta le criptovalute, è sempre stata di estremo interesse per la comunità militare e l’intelligence. È la chiave sia per salvaguardare le proprie operazioni sia per acquisire informazioni sugli avversari.

Gli occhi indiscreti delle spie degli Stati Uniti hanno senza dubbio osservato mentre la criptovaluta è esplosa dallo status di nicchia a una sorta di rete finanziaria ombra pseudo-anonima che abbraccia il mondo.

I documenti dell’Agenzia per la sicurezza nazionale interna del 2013 trapelati da Edward Snowden hanno mostrato che “rintracciare” gli utenti di bitcoin e altre criptovalute era una delle massime priorità dell’agenzia, suscitando alcune preoccupazioni sul fatto che i dati della NSA venissero usati segretamente in procedimenti giudiziari come quello del boss di Silk Road Ross Ulbricht (che l’FBI ha negato).

La CIA potrebbe usare le criptovalute per le proprie operazioni

La criptovaluta è uno strumento prezioso per gli attori di cui la CIA potrebbe aiutare a tenere traccia, tali bande di ransomware in grado di causare il caos nelle grandi istituzioni e prendere di mira le infrastrutture, che spesso hanno sede all’estero e talvolta si sospetta che siano legate ad attori dello stato nazionale.

Il ransomware è un tipo di malware che crittografa maliziosamente i file system per renderli irrecuperabili senza conoscere una chiave crittografica specifica, con l’operatore che in genere chiede alla vittima di pagare un riscatto sotto forma di criptovaluta per riottenere l’accesso al sistema mirato.

Ad esempio, un attacco informatico del maggio 2021 al gasdotto coloniale è riuscito a causare carenze di gas e un lieve panico in tutta la costa orientale. Si ritiene che la banda che ha infettato i sistemi dell’operatore della pipeline con ransomware abbia sede in Russia. L’attacco è stato almeno in parte il risultato di decenni di negligenza sulla sicurezza informatica delle infrastrutture a cui i federali sembrano improvvisamente prestare molta più attenzione.

Il Cyber Command militare degli Stati Uniti ha recentemente rivelato di aver intrapreso un’azione offensiva non specificata contro le bande di ransomware che prendono di mira le società statunitensi, sollevando alcune preoccupazioni sul fatto che stia militarizzando la risposta al crimine informatico.

Burns ha menzionato specificamente il ransomware durante le sue osservazioni alla conferenza, affermando che la criptovaluta è uno dei modi in cui possono essere identificati gli attori malintenzionati che altrimenti avrebbero nascosto le loro tracce.

La criptovaluta “potrebbe avere un impatto enorme su tutto, dagli attacchi ransomware“, ha detto Burns al pubblico. “Perché uno dei modi per aggredire gli attacchi ransomware e dissuaderli è essere in grado di raggiungere le reti finanziarie utilizzate da così tante reti criminali e che affrontano anche la questione delle valute digitali“.

Come notato da Motherboard, gli appassionati di criptovaluta su Twitter sono stati avvisati dei commenti di Burns da un tweet del blog finanziario di estrema destra ZeroHedge, una fonte perenne di prese allarmistiche e informazioni effettivamente dubbie, ha colto l’occasione per valutare.

La maggior parte non sembrava molto preoccupata. Crypto Cobain, un account Twitter con oltre 530.000 follower, ha twittato un thread scherzoso su quali progetti potrebbero essere operazioni della CIA. Un altro promotore di bitcoin di nome Spencer Schiff ha sostenuto che se la CIA avesse inventato bitcoin, non avrebbe avuto un serio impatto sulle sue opinioni su di esso, poiché l’agenzia ne ha chiaramente perso il controllo.

Altri utenti di Twitter hanno usato le osservazioni come mezzo per colpire progetti crittografici che non gli piacevano, suggerendo che erano progetti della CIA. Alcuni utenti cospiratori hanno lanciato l’idea che la CIA utilizzi bitcoin o altre valute digitali per finanziare progetti oscuri.

CIA attenziona le criptovalute: quali conseguenze?

Come prendere questa notizia? Certo, se la più importante Agenzia dei servizi segreti inizia ad usare le criptovalute come strumento di azione, potrebbe essere un importante riconoscimento istituzionale. Con grandi vantaggi per il loro prezzo.

Se invece si pone in modo belligerante, allora il rischio è opposto, e si potrebbero verificare anche crolli di prezzo. Di sicuro, bisognava attendersi un maggiore interesse della CIA verso le criptovalute.

Intanto, ad emergere sono nuove criptovalute, che seguono la scia di altri cripto meme come Dogecoin o Shiba Inu.

E’ il caso del fenomeno Floki: Christmas Floki X (CRYPTO: CFloki X), criptovaluta nata di recente aumentata del 590,6% nelle ultime 24 ore, scambiata a $ 0,0000177 al momento della scrittura. Facendo registrare un incremento del 593,7% rispetto al Bitcoin e del 574,7% rispetto ad Ethereum.

Mentre ElonFlokiInu (CRYPTO: EFloki) è aumentata del 423,5% nelle ultime 24 ore a $ 0,000003425, così come King Floki V2 (CRYPTO: KING) che ha guadagnato il 36,4% durante il periodo a $ 0,000009312.

Criptovalute emergenti: considerazioni finali

Naturalmente vi terremo aggiornati su tutti i cambiamenti di prezzo di Dogecoin e altre criptovalute con le nostre news quotidiane.

Se volete investire in criptovalute in modo serio e sicuro potete utilizzare una delle migliori piattaforme a disposizione che è eToro, un broker regolamentato che offre tra le altre cose:

  • conto demo illimitato e gratuito
  • deposito più basso del settore
  • commissioni e spread basse
  • funzionalità avanzate di CopyTrading per copiare da altri investitori
Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here