Coinbase inserisce Dogecoin nel suo elenco di criptovalute

Dopo lo straordinario Rally della criptovaluta Dogecoin – fenomeno del momento essendo nata per scherzo nel 2013 ma essendo poi diventato un caso finanziario – quest’ultima sembrava già essere diventata la solita bolla finanziaria già scoppiata.

Ed invece, è arrivata una importante notizia: l’Exchange di criptovalute Coinbaseha deciso di inserirla nel suo elenco di criptovalute. Il che vuol dire che ci crede ancora e che il fenomeno non si è esaurito.

A partire da martedì primo giugno, l’exchange di criptovalute offre ai suoi utenti di Coinbase Pro l’opzione di scambiare dogecoin. Criptovaluta che ha beneficiato dei continui endorsement da parte del Ceo di Tesla Elon Musk a colpi di tweet.

Dogecoin è attualmente scambiato a 32 centesimi, in crescita di quasi il 6.000% per l’anno. Tuttavia, è diminuito di oltre il 50% da quando ha raggiunto un massimo a maggio.

Coinbase è uno dei più grandi Exchange di criptovalute del pianeta e il suo servizio Pro, come suggerisce il nome, è progettato per i trader professionisti. Ricordiamo poi che Dogecoin è anche disponibile per l’acquisto sull’app di Robinhood e tramite Gemini.

Coinbase ha dichiarato in un post sul blog che inizierà “immediatamente” ad accettare trasferimenti in entrata su Coinbase Pro. Se c’è abbastanza liquidità, il trading di dogecoin inizierà giovedì o dopo le 9:00 Pacific Time, nelle località supportate. Tuttavia, il commercio sarà scaglionato.

La società afferma che prevede di lanciare in tre fasi: post-only, limit-only e trading completo.

“Se in qualsiasi momento uno dei nuovi libri degli ordini non soddisfa la nostra valutazione per un mercato sano e ordinato, potremmo mantenere il libro in uno stato per un periodo di tempo più lungo o sospendere le negoziazioni”, ha scritto la società, citando le sue regole di negoziazione. .

Dogecoin non è ancora disponibile sul sito Web principale di Coinbase o sulle sue app mobili per consumatori. La società ha affermato che ci sarà un “annuncio separato se e quando verrà aggiunto questo supporto”. Per ora, ciò significa che gli investitori al dettaglio dovranno cercare altrove.

Coinbase, che è diventato pubblico ad Aprile, ricava la maggior parte dei suoi soldi dal trading e dallo stoccaggio di bitcoin ed ethereum, le più grandi criptovalute.

Il CEO Brian Armstrong è stato un pubblico sostenitore del dogecoin ispirato ai meme. Nell’annuncio sugli utili della società del 13 maggio, Armstrong ha affermato che “l’aggiunta di attività è qualcosa di vicino e caro” al suo cuore.

Ha fatto riferimento a dogecoin come una delle criptovalute che sta ricevendo molta attenzione e ha condiviso il piano dell’azienda di elencare il token in sei-otto settimane.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Dogecoin, Elon Musk torna a parlare bene della criptovaluta

Dopo questa notizia positiva per Dogecoin, relativa a Coinbase, ce n’è un’altra in favore della cryptomeme. Infatti, l’account Twitter @itsALLrisky ha twittato chiedendo al mondo se sarebbero andati a un Doge Festival, ribattezzandolo DogeFest.

Hanno detto che per lanciare il DogeFest avrebbero avuto bisogno di Elon Musk come DJ, il partner di Musk e la madre di suo figlio Grimes insieme al rapper milionario Snoop Dogg.

Che cosa ha fatto Elon questa volta? Ha risposto direttamente dicendo “sembra piuttosto divertente”. Tanti hanno fatto scatenare la propria fantasia, immaginando Musk che arrivi al DogeFest su una Tesla Cybertruck con Grimes, Snoop Dogg e Mark Cuban.

Lo immaginano uscire dal suo Cybertruck con una manciata di hot dog e inizia a distribuire hot dog a tutti al DogeFest. Con Musk che avrebbe un innegabile sorriso stampato in faccia per tutto il tempo.

Dunque, per Dogecoin si prevede nuova linfa rialzista in questi giorni riguardo il suo già sorprendente prezzo.

Ecco intanto la sua quotazione attuale:

Russia apre di nuovo alle criptovalute: a quando qualcosa di concreto

La Russia lancia l’ennesimo endorsement in favore delle criptovalute. L’ultimo arriva dal governatore della banca centrale russa, Elvira Nabiullina.

Nabiullina si è espressa in merito alle criptovalute parlando della DeFi: “C’è bisogno di sistemi di pagamento veloci ed economici e le valute digitali della banca centrale possono colmare questa lacuna”, ha detto a Hadley Gamble della CNBC in un’intervista esclusiva.

“Penso che sia il futuro per il nostro sistema finanziario perché è correlato a questo sviluppo dell’economia digitale”, ha affermato.

Mosca ha pubblicato un documento di consultazione su un rublo digitale a ottobre e mira ad avere un prototipo pronto entro la fine del 2021. Le prime prove potrebbero iniziare l’anno prossimo, ha confermato la Nabiullina.

Questa potrebbe essere una preoccupazione per gli Stati Uniti, secondo un ex funzionario del Tesoro degli Stati Uniti, Michael Greenwald.

“Ciò che mi allarma è se Russia, Cina e Iran creano ciascuno valute digitali della banca centrale per operare al di fuori del dollaro e altri paesi li seguono”, ha detto mercoledì a Hadley Gamble della CNBC. “Sarebbe allarmante”.

Le valute digitali della banca centrale non sono le stesse delle criptovalute, come il bitcoin. Sono emessi e controllati dalle autorità e il valore di un rublo digitale sarà pari a un rublo in contanti, ha affermato la Banca di Russia l’anno scorso.

Le criptovalute erano illegali in Russia fino allo scorso anno e ancora non possono essere utilizzate per effettuare pagamenti.

“Andremo passo dopo passo, perché è [un] progetto molto difficile, tecnologico, legale …”, ha detto Nabiullina.

Molte banche centrali in tutto il mondo stanno sviluppando valute digitali sovrane, che secondo i sostenitori potrebbero promuovere l’inclusione finanziaria e facilitare le transazioni transfrontaliere.

Ma Nabiullina prevede che ci saranno sfide nel trovare “soluzioni comuni” tra sistemi che sono stati sviluppati indipendentemente da paesi diversi.

“Se ogni banca crea il proprio sistema, sistemi tecnologici con standard locali, sarà molto difficile creare alcune interconnessioni tra questi sistemi per facilitare tutti i pagamenti transfrontalieri”, ha affermato.

E’ dal 2017, anno di esplosione del Bitcoin, che la Russia medita la nascita di un CryptoRublo, controllato in modo centralizzato. Basato sulla blockchain di Ethereum, peraltro creata proprio da un originario russo: il giovanissimo Vitalik Buterin.

La fine del 2021 potrebbe essere l’anno giusto dunque, accelerato anche dal fatto che la Cina sta già facendo qualcosa del genere. Così come l’Iran, quest’ultimo anche per aggirare i dazi americani.

Dunque, le superpotenze non stanno a guardare e hanno iniziato la loro corsa anche alla criptovaluta. Mentre l’Ue sembra, anche su questo campo, molto indietro.

Vi aggiorneremo sulle novità sulle regolamentazioni di criptovalute. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Per iscriverti su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here