Bitcoin SV scosso da attacchi del 51% in tre mesi

Bitcoin SV è stato sotto il martello di attori disonesti in una serie di tentativi di attacchi al 51% contro la rete. Qual è il prossimo passo per BSV?

Bitcoin Satoshi’s Vision, il fork di un altro fork di Bitcoin (BTC), ha subito per la terza volta in tre mesi un attacco di riorganizzazione della blockchain (reorg). Con un appello a tutte le parti interessate a contrassegnare il ramo di rete dannoso come non valido, gli sviluppatori di Bitcoin SV (BSV) dicono che gli attacchi sono stati respinti e tutte le catene fraudolente identificate.

La raffica di attacchi contro Bitcoin SV, anche se è stata respinta, evidenzia i rischi associati alle blockchain proof-of-work (PoW) che hanno una bassa quantità di hash rate a sostegno della loro esistenza. Infatti, oltre a Bitcoin SV, diverse catene, come Ethereum Classic (ETC) e Firo – precedentemente noto come Zcoin – sono state vittime di questi tentativi di exploit di riorganizzazione della blockchain.

Mentre non tutti questi attacchi hanno successo, alcuni procedono con conseguenze economiche significative per i partecipanti onesti e la rete, in generale, in quanto gli attori disonesti responsabili dell’exploit malevolo sulla rete possono raddoppiare le “monete”. Il problema ha raggiunto la misura in cui è teoricamente possibile lanciare questi attacchi con poche migliaia di dollari di potenza di hashing in affitto.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Un altro attacco di riorganizzazione della blockchain

All’inizio di agosto, Bitcoin SV ha subito un sospetto attacco del 51% che era simile agli incidenti precedenti che si sono verificati tra la fine di giugno e la prima settimana di luglio.

All’epoca, è stato detto che l’exploit di rete maligno ha portato a tre versioni della catena principale che sono state minate simultaneamente in un profondo attacco di riorganizzazione della blockchain.

Questo tipo di attacco si verifica quando un attore malintenzionato controlla il 51% del tasso di hash della rete e può utilizzare quella maggioranza di potenza di hashing per controllare e impedire la produzione di blocchi, così come monete a doppia spesa. L’incidente del 3 agosto è riferito come l’exploit su larga scala contro BSV da quando si è biforcato da Bitcoin Cash (BCH) nel 2018.

Tre attacchi in tre mesi

Il fatto che ci siano stati tre attacchi in tre mesi, ognuno con metodi simili, ha portato a parlare del fatto che ci sia un programma contro Bitcoin SV. Tra il 24 giugno e il 9 luglio, Bitcoin SV ha subito quattro tentativi separati di attacchi del 51% che hanno avuto come risultato l’invio di monete a Bitmart crypto exchange.

A luglio, Cointelegraph ha riferito che Bitmark stava cercando un ordine restrittivo da un giudice di New York per impedire agli hacker responsabili degli attacchi del 51% su Bitcoin SV di vendere le loro monete doppie. Al momento della scrittura, non è evidente se l’attaccante di agosto è stato in grado di inviare BSV doppio-speso a qualsiasi scambio.

In una nota inviata a Cointelegraph, la Bitcoin Association ha chiarito che l’esistenza di transazioni a doppia spesa negli attacchi di Giugno e Luglio non ha avuto alcun effetto negativo sugli utenti di Bitcoin SV, aggiungendo:

“È possibile che l’attore maligno abbia speso due volte le proprie transazioni. Non ci sono state perdite e nessuno ha subito il furto di nulla”.

Gli attacchi del 24 giugno e del 1 luglio sono passati inosservati, e le indagini sono iniziate solo dopo l’incidente del 6 luglio. A quel tempo, alcune borse, tra cui Huobi, hanno messo in pausa i servizi di deposito e prelievo per BSV, facendo così partire speculazioni imprecise che le piattaforme di trading si stavano muovendo per eliminare la moneta.

Commentando la probabilità che gli attacchi di agosto siano collegati agli incidenti precedenti, Shadders ha detto a Cointelegraph: “In questa fase, mentre non abbiamo prove definitive che lo stesso attore maligno sia responsabile sia di questi ultimi attacchi che dei precedenti tentativi di giugno e luglio, la somiglianza nel vettore di attacco e nella metodologia indicherebbe che è probabile che si tratti di nuovo dello stesso attaccante”.

Reti PoW vulnerabili

Le reti PoW (Proof of Work) con tassi di hash significativamente più bassi sono vulnerabili agli attacchi del 51% poiché la potenza di hashing necessaria per comandare la rete costa solo poche migliaia di dollari. In alcuni casi, poche centinaia di dollari di potenza di hashing affittata da NiceHash sono sufficienti per mettere in scena un exploit di riorganizzazione della blockchain su alcune catene PoW.

Secondo i dati di Crypto51 – una piattaforma che traccia il costo teorico di un attacco del 51% sulle catene PoW – costa circa 5.200 dollari per affittare la potenza di hashing necessaria per un attacco del 51% su Bitcoin SV per un’ora.

Anche Ethereum Classic, un’altra rete PoW, ha subito molteplici attacchi del 51% nel 2019 e 2020. In un incidente, un attaccante ha riferito di aver trafugato oltre 5 milioni di dollari dalla rete mentre spendeva solo 192.000 dollari in potenza di hashing per effettuare l’attacco. Tuttavia, è importante notare che mentre tali attacchi rimangono una possibilità, gli attori della rete possono prendere provvedimenti per mitigare la vulnerabilità.

Bitcoin SV: conclusioni

Vi aggiorneremo sulla situazione di Bitcoin SV. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo il broker eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

scriviti subito su eToro per iniziare a investire in criptovalute cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here