Bitcoin, aumentano sequestri in Usa mentre l’Australia ci crede sempre di più

Dopo aver toccato quota 67.500 dollari americani l’otto novembre, il Bitcoin ha ritracciato lentamente fino a scendere sotto quota 60mila dollari. Intorno ai 57mila al momento della scrittura.

Raffreddando quindi nuovamente i bollenti spiriti di quanti già pregustavano un rally capace di sfondare la fatidica resistenza dei 70mila dollari.

Vedremo se ci saranno nuovi assalti. Il che è comunque probabile, visto quanto si sta muovendo intorno alla regina delle criptovalute nella economia mainstream.

Una contezza di ciò l’ha dato un report pubblicato in questi giorni della Internal Revenue Service’s Criminal Investigation (CI), l’Unità di Investigazione Penale (CI) dell’Internal Revenue Service.

In particolare si è occupato del volume di criptovalute sequestrate negli Usa quest’anno per evasione fiscale e una previsione per il prossimo. Cifre da capogiro.

Le criptovalute stanno destando grosso interesse nell’ultimo anno grazie alla crescita di Bitcoin e della finanza decentralizzata.

E’ possibile negoziare sulle principali criptovalute sulla piattaforma di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito)..

Si tratta di uno dei broker più apprezzati in assoluto anche grazie alla funzione di Copy trading che l’ha reso celebre. Questa consente infatti di copiare dai migliori trader in pochi passaggi. Per aprire un conto reale bastano appena 50 euro.

Per attivare un conto gratuito su eToro clicca qui per il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Quante criptovalute sono state sequestrate negli Usa nel 2021

L’unità di indagine penale (CI) dell’Internal Revenue Service, che praticamente rappresenta il ramo delle forze dell’ordine che si occupa dell’evasione fiscale americano, ha pubblicato giovedì 18 novembre il rapporto annuale sull’indagine penale 2021.

Il commissario dell’IRS Chuck Rettig ha spiegato che “gli agenti della CI sono gli unici agenti delle forze dell’ordine federali con l’autorità di indagare sulle violazioni penali del codice fiscale degli Stati Uniti“.

Il rapporto descrive in dettaglio le statistiche, le partnership e le azioni penali significative dell’IRS-CI per l’anno fiscale corrente. Che è iniziato il 1 ottobre 2020 e terminato il 30 settembre 2021.

Nel rapporto, tra i fenomeni in corso, spicca in particolare quello del “ servizio di riciclaggio di denaro bitcoin più longevo sul darknet soprannominato Bitcoin Fog”.

Il rapporto annuale sulle indagini penali consta di 49 pagine. Nelle quali viene riportato che nel corso dell’anno fiscale 2021 sono stati sequestrati ben $ 3,5 miliardi in criptovalute. Praticamente il 93% di tutti i sequestri di CI eseguiti dall’autorità durante il periodo fiscale preso in esame.

Non solo. L’agenzia ha indicato che prevede di sequestrare miliardi di dollari in più in criptovaluta nel prossimo anno fiscale.

Il capo dell’IRS Criminal Investigation, Jim Lee, ha dichiarato in occasione della presentazione del rapporto ai giornalisti:

Mi aspetto che una tendenza ai sequestri di criptovalute continui mentre avanziamo nell’anno fiscale ’22 … Stiamo assistendo al coinvolgimento della crittografia in una serie di crimini mentre procediamo con le indagini

Jarod Koopman, direttore esecutivo ad interim della divisione IRS Cyber and Forensic Services, ha commentato da parte sua che i grandi sequestri di criptovaluta sono diventati la nuova normalità per le indagini penali dell’IRS. Queste le sue parole:

È un numero enorme, enorme … Certamente stiamo assistendo a un cambiamento nel nostro lavoro investigativo

Anche Koopman è convinto che l’unità di investigazione criminale dell’IRS potrebbe sequestrare una mole ulteriore di criptovalute nel prossimo anno fiscale, affermando:

Ci aspettiamo che rimanga un po’ in quell’intervallo, sulla base di alcune indagini su cui stiamo attualmente lavorando che sono piuttosto grandi per dimensioni e portata… Potremmo superare questa cifra l’anno prossimo”.

Ovviamente, più il fenomeno delle criptovalute diventa di massa, più si assiste a fenomeni del genere. E la tributaria deve restare aggiornata affinché non si aggirino le norme fiscali vigenti.

È interessante notare che questa cifra rappresenta, come visto, anche il 93% di tutti i fondi sequestrati dall’unità nello stesso periodo. La quasi totalità insomma.

In Australia sempre più convinti sulle criptovalute

Dall’Australia arriva un’importante endorsement alle criptovalute. A farlo è il ministro dei servizi finanziari Jane Hume, il quale sostiene che il governo e l’industria in generale non dovrebbero temere l’ascesa della finanza decentralizzata.

Hume lo ha detto nel corso di un vertice di revisione finanziaria australiana, sostenendo che la criptovaluta “non se ne andrà presto“, indipendentemente dalle opinioni delle persone su di essa.

Quindi, come industria e come governo, dobbiamo riconoscere che questa non è una moda passeggera. Dovremmo procedere con cautela, ma non con paura“, ha detto, confrontando la criptovaluta con le precedenti interruzioni tecnologiche.

Poi paragona le criptovalute ad altri fenomeni che pure si ritenevano passeggeri, come iPhone o internet.

Non essere la persona che pensava che l’iPhone non sarebbe mai decollato perché le persone preferirebbero avere la musica e il telefono su dispositivi separati. Non essere la persona che nel 1995 diceva che Internet era solo un posto per sfigati e criminali e non sarebbe mai diventato mainstream. E non essere la persona che ha sostenuto che l’e-mail fosse una moda passeggera“.

I suoi commenti arrivano pochi giorni dopo che il responsabile della politica dei pagamenti della Reserve Bank of Australia, Tony Richards, ha dichiarato all’Australian Corporate Treasury Association che potrebbe vedere scenari plausibili in futuro che “sfiderebbero l’attuale fervore” intorno alle criptovalute.

Ha detto che potrebbe portare a un crollo del valore delle criptovalute, che attualmente hanno un valore di mercato di 2,6 trilioni di dollari.

Queste le parole di Richards:

Le famiglie potrebbero essere meno influenzate dalle mode e dalla paura di perdere l’occasione e potrebbero iniziare a prestare maggiore attenzione agli avvertimenti dei regolatori dei titoli e delle agenzie per la protezione dei consumatori in molti paesi sui rischi di investire in qualcosa senza emittente, senza supporto e altamente incerto valore”

Altri fattori, ha affermato Richards, potrebbero essere l’elevato uso di energia nell’estrazione di criptovalute, le autorità fiscali e le agenzie di polizia che si concentrano sull’anonimato offerto dalle criptovalute e le “rampa di salita e discesa” che collegano le criptovalute al settore finanziario tradizionale.

Hume ha avvertito, tuttavia, che l’Australia non dovrebbe rischiare di essere lasciata indietro.

La finanza decentralizzata sostenuta dalla tecnologia blockchain presenterà incredibili opportunità: l’Australia non deve essere lasciata indietro dalla paura dell’ignoto“, ha affermato.

Richards ha affermato che uno scenario del genere in cui le criptovalute crollerebbero probabilmente emergerebbe se ci fossero solidi quadri normativi stabiliti per le stablecoin, ovvero criptovalute di valore più stabile e legate a un asset esistente.

Monete come Tether, USD coin e Binance USD, ad esempio, hanno all’incirca lo stesso valore del dollaro USA.

Richards ha affermato che se le banche centrali si muovessero verso l’emissione di valute distribuite dalla banca centrale come stablecoin, ciò offrirebbe transazioni più veloci, sicure ed efficienti, che potrebbero cambiare il modo in cui le persone vedono le criptovalute.

La Commonwealth Bank ha annunciato all’inizio di questo mese che avrebbe consentito ai clienti di acquistare e vendere fino a 10 criptovalute tramite la sua app bancaria, in una prova che verrà lanciata ampiamente nel 2022.

Un rapporto del Senato sulla tecnologia finanziaria ha stimato che circa il 17% degli australiani detiene attività di criptovaluta, tuttavia, Richards ha affermato di aver trovato la stima poco plausibile e di attribuirla a sondaggi online non accurati.

Anche se è difficile indicare prove più solide sulle partecipazioni in criptovalute da parte degli australiani, alcune delle stime disponibili sono estremamente sorprendenti e potrebbero essere sintomatiche della notevole quantità di clamore e disinformazione in questo settore“, ha affermato.

Bitcoin e sicurezza: conclusioni

Il problema della sicurezza delle criptovalute è sempre discusso. Naturalmente vi terremo aggiornati su tutti i cambiamenti di prezzo di BTC e altre criptovalute con le nostre news quotidiane.

Se volete investire in criptovalute in modo serio e sicuro potete utilizzare una delle migliori piattaforme a disposizione che è eToro, un broker regolamentato che offre tra le altre cose:

  • conto demo illimitato e gratuito
  • deposito più basso del settore
  • commissioni e spread basse
  • funzionalità avanzate di CopyTrading per copiare da altri investitori
Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here