Bitcoin, nuovo presidente SEC renderà organismo più accomodante

Mercoledì 28 aprile, la Securities and Exchange Commission (meglio nota con l’acronimo SEC) ha ritardato la sua decisione di approvare l’ETF VanEck Bitcoin fino a giugno, poiché il nuovo capo del regolatore americano inizia a esaminare le richieste di asset di alto profilo.

Generalmente, la SEC richiede 45 giorni dalla presentazione della domanda per decidere se consentire o meno la negoziazione di un titolo di questo tipo. La finestra di 45 giorni per l’ETF VanEck Bitcoin termina il prossimo 3 maggio, ma la SEC proroga la scadenza.

Così ha giustificato questa scelta J. Matthew DeLesDernier, assistente segretario presso il SEC:

“La Commissione ritiene che sia opportuno designare un periodo più lungo entro il quale agire sulla modifica della norma proposta in modo che abbia tempo sufficiente per considerare la modifica della norma proposta e i commenti ricevuti”

Sebbene esistano ETF bitcoin negli Stati Uniti, non possiedono direttamente la criptovaluta. Possiedono portafogli di azioni che si ritiene abbiano esposizione alla tecnologia blockchain.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

La SEC dovrebbe essere più incline verso le criptovalute

Alcuni osservatori di bitcoin ritengono che il 2021 potrebbe finalmente essere l’anno in cui un ETF su bitcoin verrà approvato grazie alla conferma del Senato di Gary Gensler a guidare il principale regolatore di Wall Street.

Gensler, eletto dal Senato all’inizio di questo mese per guidare la SEC, è considerato un esperto di criptovaluta e ha tenuto corsi su valute digitali e blockchain presso il Massachusetts Institute of Technology.

Interrogato a marzo su come la SEC dovrebbe regolamentare bitcoin e altre risorse digitali, Gensler ha detto ai legislatori che la responsabilità potrebbe ricadere sul governo a seconda di come vengono classificate risorse come bitcoin.

In passato, la SEC ha affermato di essere preoccupata per l’estrema volatilità dei prezzi e le frodi nelle criptovalute. Ha anche osservato che il 75% del commercio di bitcoin avviene all’estero su borse estere non regolamentate che potrebbero essere manipolate.

Il prezzo del bitcoin e di altre risorse digitali è salito alle stelle nel 2021 poiché un numero crescente di gestori di investimenti e banche si sente a proprio agio considerandolo sia come potenziale opportunità di investimento che come mezzo di scambio.

Sebbene la più grande risorsa digitale del mondo abbia faticato nelle ultime settimane, il suo prezzo attuale di circa $ 54.400 è molto al di sopra di quello che era stato scambiato un anno fa sotto $ 10.000, secondo Coin Metrics.

Dopo VanEck, Fidelity a marzo ha rivelato in una dichiarazione del governo che sta lavorando per lanciare il proprio ETF bitcoin.

Le richieste in tal senso dovrebbero essere sempre maggiori, poiché il bitcoin sta avanzando prepotentemente nell’economia “tradizionale”. E la SEC, così come altri organismi di controllo nel mondo, non possono voltarsi dall’altra parte.

Migliori exchange per comprare criptovalute

Ecco alcuni dei migliori exchange per acquistare e scambiare criptovalute:

EXCHANGE
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Più semplice da usarePrincipali criptovaluteISCRIVITI
PIù grande exchangeNumerose criptovaluteISCRIVITI
App facile da usareCarta VISA e tante cryptoISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Bitcoin: FED non ha fretta di rispondere a criptovaluta cinese

Intanto, sempre mercoledì 28 aprile da oltreoceano è giunta un’altra notizia importante. Sebbene occorra capire quanto sia solo un annuncio di facciata e quanto ci sia di vero.

Il rapido sviluppo da parte della Cina di una versione digitale dello yuan non spingerà la Federal Reserve ad affrettare il proprio progetto di valuta digitale.

Queste sono state le parole del Presidente Jerome Powell, aggiungendo che l’approccio della Cina non funzionerebbe negli Stati Uniti.
Powell, nelle osservazioni che seguono l’ultima riunione politica della Fed, ha sottolineato che l’obiettivo principale della Fed non è la velocità sul mercato, ma piuttosto evitare qualsiasi passo falso disastroso nell’esecuzione della digitalizzazione del dollaro, che rimane la valuta di riserva dominante del mondo.


“È molto più importante farlo bene che farlo velocemente”, ha detto Powell. “La valuta utilizzata in Cina non è quella che funzionerebbe qui. È uno che consente davvero al governo di vedere ogni pagamento per il quale viene utilizzato in tempo reale “.
La banca centrale degli Stati Uniti si sta prendendo del tempo per comprendere le capacità che sono possibili con le valute digitali, ha detto Powell. Ciò include assicurarsi che la tecnologia venga utilizzata in un modo che abbia senso per il paese e per le persone che fanno affidamento sul dollaro come valuta di riserva mondiale, ha affermato.
“Le valute digitali delle banche centrali sono ora possibili”, ha detto Powell. “Dobbiamo capire se questo è qualcosa che sarebbe una buona cosa per le persone che serviamo”.

Powell in precedenza aveva chiarito che la Fed non può andare avanti nello sviluppo di una valuta digitale senza un’azione del Congresso. Per ora, la sede regionale della Fed di Boston sta studiando come sarebbe una valuta digitale della banca centrale in un programma congiunto con la Digital Currency Initiative del Massachusetts Institute of Technology.

Il progetto di ricerca dovrebbe durare due o tre anni. Sarebbe necessario un processo politico separato prima che la Fed possa creare una propria valuta digitale della banca centrale.

La Cina, al contrario, sta già eseguendo programmi pilota per testare lo yuan digitale. Ciò sta inducendo alcuni analisti a chiedersi se il ritmo più veloce dalla seconda economia più grande del mondo potrebbe portare lo yuan a guadagnare il predominio sul dollaro.

Il dollaro rappresentava quasi il 60% delle riserve valutarie ufficiali del mondo alla fine del 2020, secondo il Fondo monetario internazionale, mentre la quota della Cina è solo del 2,25%.

Ma alcuni osservatori del mercato concordano con Powell sul fatto che gli investitori e altre parti non si precipiteranno necessariamente nello yuan digitale, nonostante il suo ingresso anticipato nell’universo della valuta digitale.

Vi aggiorneremo sulla questione legata agli ETF su Bitcoin. Nel frattempo se volete investire in criptovalute in maniera sicura vi consigliamo eToro, un broker regolamentato che offre delle caratteristiche molto interessanti:

  • copy trading
  • spread competitivi
  • piattaforma semplice e intuitiva
Per accedere ad eToro clicca qui e visita questa pagina.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here