Bitcoin, anche India e Vietnam pensato a Bitcoin di Stato

Gli investitori indiani stanno investendo in criptovalute come mai prima d’ora e la tendenza potrebbe essere pericolosa.

Gli indiani avevano parcheggiato quasi $ 6,6 miliardi (Rs49,189 crore) in criptovalute fino a maggio di quest’anno, rispetto a circa $ 923 milioni dell’aprile 2020.

Il paese si classifica 11mo su 154 nazioni (pdf) in termini di adozione di criptovalute, come riporta Chainalysis.

Molti credono che questa crescita sia ancora solo la punta dell’iceberg e molti altri indiani probabilmente affolleranno le monete digitali nel prossimo futuro.

“L’India ha una popolazione di 1,39 miliardi di persone, prevalentemente giovane, che è vista come un esperto di tecnologia e più adattabile al risparmio di criptovalute”, ha detto a Quartz Harish BV, co-fondatore di Unocoin, che ha una base di potenziali utenti di 1,3 milioni in India.

Sebbene questa crescita abbia dato agli exchange di criptovalute indiani un motivo per festeggiare e attirare finanziamenti da investitori globali, il boom sta avvenendo in assenza di linee guida rigorose da parte della banca centrale o del governo. Ciò è particolarmente problematico a causa della passata relazione del governo indiano con le criptovalute.

Se volete iniziare a investire in criptovalute potete affidarvi a broker come eToro che consentono di negoziare sulle principali criptovalute ed offrono servizi molto interessanti come il copy trading.

India e Bitcoin, cosa sta succedendo

Nell’aprile 2018, quasi da un giorno all’altro, la banca centrale indiana ha impedito alle banche di impegnarsi in operazioni relative alle criptovalute. La decisione è stata respinta dalla corte suprema nel marzo dello scorso anno, il che ha portato a un aumento multiplo della domanda di valute virtuali.

Più di recente, il 31 maggio, la Reserve Bank of India (RBI) ha rilasciato una dichiarazione in cui consigliava alle banche di non citare la circolare del 2018 per negare servizi a piattaforme o investitori di criptovalute. Ma da allora le autorità tacciono.

Per ora, gli exchange di criptovalute e gli investitori sembrano aver percepito l’ultima circolare della RBI come un timbro di approvazione. Questa potrebbe essere un’interpretazione generosa e l’entità dei rischi data l’entità degli investimenti potrebbe essere dannosa.

La mossa normativa della RBI potrebbe essere un segno di allontanamento da un divieto generale, ma non ci sono ancora linee guida adeguate per la valuta virtuale. Quindi, ci deve essere una certa cautela su eventuali futuri cambiamenti di politica.

Oltre alla posizione del governo, la mancanza di regolamenti rende anche gli investitori indiani vulnerabili ad altre minacce. “Il più grande rischio normativo è che i cattivi giocatori possano entrare nell’ecosistema”, ha affermato Nischal Shetty, co-fondatore di WazirX. “Mentre noi, negli scambi, seguiamo un codice di condotta normativo, che è autoimposto, non possiamo impedire ad altri che non lo seguono”.

L’ecosistema delle criptovalute in India ha sollevato molte questioni relative alle soluzioni di pagamento, alla tassazione e allo status legale, che potrebbero essere risolte se il governo e la RBI chiarissero la loro visione a lungo termine sul settore.

“L’ecosistema globale delle criptovalute sta crescendo rapidamente con molti progetti e innovazioni in corso. Si tratta di investitori, innovatori e imprese che offrono opportunità di lavoro a molti. La chiarezza normativa sulle criptovalute può sicuramente aiutare a far crescere l’ecosistema delle criptovalute in India”, ha affermato Avinash Shekhar, co-CEO di ZebPay.

Shekhar suggerisce che la chiarezza sui regolamenti per le valute virtuali consentirà alle criptovalute di “far parte dell’economia come una classe di attività insieme alla valuta sovrana”.

Arriverà Bitcoin di Stato anche in India?

L’entusiasmo degli investitori si è rifiutato di spegnersi anche se il governo indiano sta valutando la criptovaluta e il regolamento della legge sulla valuta digitale ufficiale, 2021, che potrebbe vietare tutte le criptovalute private in India e prevede la creazione di un quadro legislativo su una valuta digitale ufficiale.

La scorsa settimana, il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha dichiarato che il governo ha preparato una bozza di politica sulle criptovalute, che prevede una finestra per progetti pilota e sperimentazioni per le aziende fintech.

“Abbiamo preso gli input delle parti interessate. La nota del gabinetto è pronta. Dobbiamo vedere quando il gabinetto può accoglierla e considerarla in modo da poterla spostare”, ha detto Sitharaman in un’intervista al quotidiano The Hindu BusinessLine.

Alcuni credono che il ritardo arrivi quando la RBI ha segnalato che è “molto in gioco” e sta lavorando sulla propria valuta digitale della banca centrale come lo yuan digitale cinese.

“Il fatto che si tratti di tecnologia e che sia nuova li ha tenuti scettici sui mercati delle criptovalute”, ha affermato Shetty. “Tutti i regolatori sono collegati al dominio finanziario, ma non al dominio tecnologico. All’improvviso c’è una cosa nuova davanti a loro che è finanziaria e anche profondamente radicata nel mondo tecnologico. Per loro, sarà anche impegnativo per regolamentare questo mercato.”

Anche in Vietnam potrebbe arrivare un Bitcoin statale

Anche in Vietnam, la State Bank of Vietnam è destinata a diventare l’ultima banca centrale ad approfondire le esplorazioni sulla fattibilità e sul funzionamento di una Central bank digital currencies (CBDCs) (CBDC).

Il suo compito, distinto da alcuni altri paesi, è quello di provare una valuta digitale che sarebbe espressamente costruita sulla tecnologia blockchain, piuttosto che su un protocollo centralizzato.

Secondo un rapporto del 3 luglio del quotidiano in lingua inglese Viet Nam News, il primo ministro Phạm Minh Chính ha annunciato l’iniziativa come parte della sua più ampia strategia di sviluppo dell’e-government. La banca centrale dovrebbe lavorare allo sviluppo e all’attuazione del progetto pilota dal 2021 al 2023.

L’abbraccio dei politici vietnamiti alle tecnologie blockchain in linea di principio rimane distinto dalla loro ampia ostilità nei confronti delle valute decentralizzate che hanno reso popolari i protocolli sottostanti. Il paese ha vietato Bitcoin (BTC) come mezzo di pagamento nel 2018, pur mantenendo i diritti delle persone e delle imprese di investire privatamente in criptovalute.

Il divieto è stato presto seguito da una direttiva agli istituti di credito per limitare i servizi forniti alle attività relative alla valuta digitale al fine di mitigare i rischi di riciclaggio di denaro. Nonostante entrambe le mosse, non esiste un quadro normativo formale per gli scambi di criptovalute operanti nel paese.

Dalla primavera del 2020, questo approccio ostile ma relativamente superficiale ha iniziato a cambiare. Nel maggio di quell’anno, il Ministero delle finanze del Vietnam ha accettato di istituire un gruppo di ricerca incaricato di studiare e formulare proposte politiche in materia di criptovalute e risorse digitali.

Quel gruppo, che include la Banca di Stato, comprende anche l’autorità di regolamentazione dei titoli del paese, il Dipartimento delle istituzioni bancarie e finanziarie, il Dipartimento generale delle dogane del Vietnam e altri.

Huỳnh Phước Nghĩa, vicedirettore dell’Institute of Innovation presso l’Università di Economia di Ho Chi Minh City (UEH), ha detto ai giornalisti che mentre i pagamenti senza contanti continuano ad aumentare nel paese, il riconoscimento delle valute digitali da parte della Banca di Stato aiuterebbe ad accelerare ulteriormente questo processo.

Secondo Nghĩa, “il denaro digitale è una tendenza inevitabile” e la conduzione del progetto pilota aiuterà il governo a valutare i pro ei contro dei vari approcci e ad esplorare meccanismi di gestione appropriati.

Un altro intervistato, Lê Đạt Chí, vice capo della Facoltà di finanze dell’UEH, ha sottolineato che agire rapidamente sarebbe necessario affinché il paese sia competitivo poiché lo slancio dietro le CBDC continua a crescere.

Viet Nam News sostiene che l’emissione di CBDC potrebbe essere utile per i paesi più piccoli in un sistema globale dominato dal dollaro degli Stati Uniti e, in misura minore, dall’euro e dallo yen.

Vi aggiorneremo sulla situazione di Bitcoin nei vari paesi. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here