Bitcoin: identità di Satoshi Nakamoto rivelata grazie a processo in Florida?

Finalmente, dopo 13 anni, l’identità del creatore del Bitcoin Satoshi Nakamoto potrebbe essere rivelata.

In Florida si sta svolgendo un processo apparentemente ordinario: la famiglia di un uomo deceduto sta facendo causa al suo ex socio in affari per il controllo dei beni della loro partnership.

Fin qui nulla di strano. Se non fosse che gli asset in questione sono una cache di circa un milione di bitcoin, pari a circa 64 miliardi di dollari odierni, appartenenti al creatore di bitcoin, lo pseudonimo Satoshi Nakamoto.

La famiglia del defunto sostiene che lui e il suo socio in affari insieme erano Nakamoto, e quindi la famiglia ha diritto a metà della fortuna.

Le criptovalute stanno destando grosso interesse nell’ultimo anno grazie alla crescita di Bitcoin e della finanza decentralizzata.

E’ possibile negoziare sulle principali criptovalute sulla piattaforma di eToro (clicca qui

per attivare un conto demo gratuito)..

Si tratta di uno dei broker più apprezzati in assoluto anche grazie alla funzione di Copy trading che l’ha reso celebre. Questa consente infatti di copiare dai migliori trader in pochi passaggi. Per aprire un conto reale bastano appena 50 euro.

Per attivare un conto gratuito su eToro clicca qui per il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Processo in Florida rivelerà identità Satoshi Nakamoto?

La famiglia di David Kleiman ha fatto causa al suo ex socio in affari, un programmatore australiano di 51 anni che vive a Londra di nome Craig Wright.

Il signor Wright sostiene dal 2016 di aver creato Bitcoin, un’affermazione respinta dalla maggior parte della comunità bitcoin. La famiglia del signor Kleiman sostiene che i due hanno lavorato e hanno estratto bitcoin insieme, dando diritto alla famiglia del signor Kleiman a mezzo milione di bitcoin.

Come noto, la moneta digitaleBitcoin è stata inventata da Satoshi Nakamoto nel 2008 come forma di denaro digitale, ma nessuno sa veramente chi sia Satoshi Nakamoto. Le transazioni vengono effettuate tramite reti peer to peer senza la necessità di una banca. Ecco perché si parla di valuta decentralizzata.

Crediamo che le prove dimostreranno che c’era una partnership per creare ed estrarre oltre un milione di bitcoin“, ha affermato Vel Freedman, un avvocato della famiglia Kleiman.

I querelanti intendono produrre prove che dimostrino che i due sono stati coinvolti in bitcoin sin dal suo inizio e hanno lavorato insieme.

Si tratta di due amici che avevano una relazione e di come uno di loro abbia cercato di prendersi tutto per sé dopo la morte dell’altro“, ha detto Tibor Nagy, un avvocato che ha seguito il processo.

La difesa ha affermato di avere prove che dimostreranno che il signor Wright è il creatore di bitcoin e non ha mai incluso il signor Kleiman. “Crediamo che la corte scoprirà che non c’è nulla che indichi o registri che erano in una partnership“, ha detto Andrés Rivero, un avvocato di Mr. Wright.

Bitcoin: come il processo in Florida potrebbe rivelare identità Satoshi Nakamoto?

Per i bitcoiner, c’è solo una prova che potrebbe dimostrare in modo conclusivo l’identità di Satoshi Nakamoto: la chiave privata che controlla l’account in cui Nakamoto ha conservato il milione di bitcoin.

Chiunque affermi di essere Satoshi Nakamoto potrebbe dimostrare di averli spostando anche una frazione di moneta da esso.

Il mistero di Satoshi Nakamoto è una delle curiosità di bitcoin. Il 31 ottobre 2008, qualcuno usando quel nome ha inviato un documento di nove pagine a un gruppo di crittografi spiegando un sistema di “contanti elettronici” che permetteva alle persone di scambiare valore senza la necessità di una banca o di un’altra parte.

Pochi mesi dopo, la rete bitcoin è diventata attiva e Nakamoto ha raccolto un milione di bitcoin nel suo primo anno.

È stato all’inizio del 2008 che la famiglia del signor Kleiman afferma che il suo socio in affari, il signor Wright, ha chiesto l’aiuto del signor Kleiman in quello che sarebbe diventato quel giornale di nove pagine. Hanno collaborato al white paper e lanciato bitcoin insieme, sostiene la causa.

Come funziona bitcoin

Con bitcoin, due persone, in qualsiasi parte del mondo con una connessione Internet, potrebbero effettuare transazioni senza intermediari in pochi minuti.

Per ognuna delle oltre 650 milioni di transazioni bitcoin, tutte pubblicamente visibili su un registro chiamato “blockchain”, ci sono due stringhe di numeri che controllano come viene spostata la valuta digitale: una chiave pubblica e una chiave privata.

Chiunque può inviare bitcoin alla chiave pubblica o all’indirizzo di destinazione, che è simile a un conto bancario. Solo la persona che controlla l’account avrà la chiave privata ed essenzialmente possiederà il bitcoin.

Ecco la quotazione attuale:

Craig Wright è il fondatore di Bitcoin?

Agli albori di Bitcoin, a nessuno importava molto dell’identità di Nakamoto. Bitcoin non aveva alcun valore tangibile e solo un piccolo gruppo di sostenitori. Nakamoto è stato attivo nel suo sviluppo per circa due anni, scrivendo su bacheche e inviando e-mail con gli sviluppatori.

Nel dicembre 2010, Nakamoto, che era noto per utilizzare due indirizzi e-mail e avere un sito Web registrato, ha smesso di postare pubblicamente; essenzialmente, Nakamoto è scomparso.

L’universo delle persone con le conoscenze tecniche per creare bitcoin è limitato. La maggior parte dei nomi di spicco della crittografia sono stati etichettati come Nakamoto. Tutti lo hanno negato e nessuna prova ha mai collegato nessuno in modo definitivo alla creazione di bitcoin.

Nel frattempo, nel 2011, il signor Kleiman ha costituito una società in Florida chiamata W&K Info Defense Research. La sua famiglia sostiene che si trattasse di una società e che il signor Wright in seguito abbia cercato di rivendicare la proprietà assoluta. La difesa dice che in realtà non c’era alcuna partnership.

Il signor Kleiman è morto il 26 aprile 2013.

L’anno successivo, Newsweek ha riferito che un uomo con lo stesso cognome di Satoshi, Dorian Nakamoto, era il creatore di bitcoin. Ha negato l’affermazione e, su una bacheca, un post di una frase da un account noto per essere stato utilizzato dal vero Nakamoto ha concordato: “Non sono Dorian Nakamoto”. Se quello era un messaggio autentico del creatore di bitcoin, è l’ultima corrispondenza pubblica di Nakamoto.

In una foto del file del 21 dicembre 2017, viene mostrato un logo Bitcoin visualizzato su un bancomat a Hong Kong. Google afferma che vieterà la pubblicità di criptovalute come bitcoin, nonché contenuti correlati come consigli di trading e criptovaluta.

Nel maggio 2016, il signor Wright ha affermato di essere il fondatore di bitcoin. Ha incontrato molti dei primi pionieri del bitcoin, ha rilasciato interviste esclusive a tre media e ha riempito un sito Web con documenti che aveva scritto su crittografia e bitcoin.

Tre giorni dopo, di fronte a critiche feroci, ha abbandonato la richiesta. Ha rimosso tutto dal sito Web e l’ha sostituito con scuse di quattro paragrafi. “Mi sono rotto”, ha scritto. “Non ho il coraggio. Non posso.” Da allora ha rinnovato la sua insistenza sul fatto che ha creato bitcoin.

È contestato se Mr. Wright o Mr. Kleiman possiedano o possedessero le conoscenze per aver creato la criptovaluta.

Il signor Wright “ha hackerato e ingannato le persone, giocando sulla loro fiducia”, ha detto Arthur van Pelt, un investitore di bitcoin che è emerso come uno dei critici più accesi di Mr. Wright. “Non esiste alcuna prova autentica, indipendente e credibile di alcun genere”.

L’esperienza informatica di Mr. Kleiman era nota per essere ampia. È possibile che Mr. Kleiman abbia creato bitcoin, ha affermato Emin Gun Sirer, fondatore di Ava Labs, ma non ci sono abbastanza informazioni per essere sicuri. “È una domanda aperta”, ha detto.

Bitcoin e Satoshi: conclusioni

Probabilmente l’identità del creatore di Bitcoin non verrà mai svelata. Naturalmente vi terremo aggiornati su tutti i cambiamenti di prezzo di BTC e altre criptovalute con le nostre news quotidiane.

Se volete investire in criptovalute in modo serio e sicuro potete utilizzare una delle migliori piattaforme a disposizione che è eToro, un broker regolamentato che offre tra le altre cose:

  • conto demo illimitato e gratuito
  • deposito più basso del settore
  • commissioni e spread basse
  • funzionalità avanzate di CopyTrading per copiare da altri investitori
Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here