Bitcoin debutta all’Indianapolis 500

Le criptovalute arrivano anche nelle corse automobilistiche. Con il Bitcoin che farà il suo debutto domenica 30 maggio alla corsa automobilistica più famosa d’America: le 500 Miglia di Indianapolis.

Parliamo infatti della Chevrolet Bitcoin n. 21, appartenente al team IndyCar Series Ed Carpenter Racing (ECR), la quale si schiererà sulla linea di partenza insieme ad altre 32 auto.

Palcoscenico della gara è l’Indianapolis Motor Speedway, chiamata anche confidenzialmente Brickyard. Per le finitrici che fiancheggiavano il percorso nei suoi primi anni.

La vettura è costituita da un affascinante colore nero ed arancione, con i loghi Bitcoin. La prima ufficiale sponsorizzata con la regina delle criptovalute, un po’ in affanno nel mese di maggio dopo lo strepitoso rally partito da ottobre 2020 e culminato con un nuovo massimo storico di oltre 63mila dollari.

Il proprietario del team Carpenter aveva così presentato ad inizio maggio con entusiasmo il progetto: “Portare il mio interesse personale e l’introduzione del Bitcoin nel nostro settore è un fatto storico”, ha dichiarato all’inizio di questo mese in un comunicato stampa che annunciava l’accordo.

Poi aveva aggiunto: “… la vedo come un’opportunità per trasformare il modo in cui operiamo nel nostro settore degli sport motoristici.”

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Bitcoin e corse, a love story

La sponsorizzazione bitcoin di ECR è tra gli ultimi esempi di criptovaluta che si mescola con gli sport professionistici. A marzo, gli Oakland A’s della Major League Baseball hanno annunciato che avrebbero accettato bitcoin come pagamento per le suite stagionali.

Il mese scorso, il presidente e CEO di NBA Sacramento Kings Vivek Ranadivé ha dichiarato in una riunione sul social Clubhouse che avrebbe offerto ai suoi giocatori e al personale un’opzione di pagamento bitcoin.

Il pilota olandese e Rookie of the Year della NTT IndyCar Series 2020 Rinus VeeKay guiderà l’auto nera e arancione con i loghi Bitcoin, che adorneranno anche la sua tuta antincendio e le uniformi indossate dal personale ai box della squadra.

Carpenter non solo ha permesso al Bitcoin di entrare sulla pista di Indianapolis, ma possiede egli stesso bitcoin. Lo considera infatti un modo innovativo per competere contro altre squadre di corse – e sport – per l’ambito controvalore in sponsorizzazione.

“Siamo un’industria guidata dalle sponsorizzazioni ed è sempre più difficile competere nello spazio con altre squadre di corse, con altri marketer, con altre proprietà sportive”, ha detto in una intervista ad AutoWeek. Rivista specializzata in materia. Poi aggiungendo: “Sono stato coinvolto in questo e vedo molte opportunità per cambiare il modo in cui facciamo affari”.

ECR ha collaborato con l’app di pagamento Strike per consentire pagamenti e donazioni questo mese. Un codice QR unico ha permesso a chiunque nel mondo di donare, ciò che ECR ha descritto nel suo comunicato stampa come “il primo modello di contributo peer-to-car al mondo”.

Il racing team è anche il primo in Indy Racing ad offrire ai propri dipendenti la possibilità di accettare bitcoin come opzione di pagamento.

Carpenter ha affermato di aver scelto il numero 21 per indicare i 21 milioni di bitcoin che Satoshi Nakamoto ha creato lanciando la sua valuta digitale.

VeeKay partirà in prima fila nella gara di domenica dopo aver percorso una media di oltre 231 mph nelle qualifiche della scorsa settimana.

“Con il potere della comunità Bitcoin che sostiene ECR… il nostro team è più che pronto ad attaccare l’Indy 500 e catturare il nostro primo Borg Warner Trophy (che va al vincitore di Indy)”, ha detto Carpenter in un comunicato stampa di maggio. “Vogliamo baciare i mattoni, bere il latte, quindi guardare Bitcoin correre oltre $ 100k!”

Vediamo intanto la quotazione attuale:

Bitcoin, mining illegale scoperto nel Regno Unito

In queste ore, però, occorre anche registrare che un mining di bitcoin illegale è stato scoperto nel Regno Unito.

La miniera di bitcoin illegale è stata scoperta in un’unità industriale alla periferia della città inglese di Birmingham e stava rubando migliaia di sterline di elettricità dalla rete elettrica. A scoprirlo è stata la polizia di West Midlands.

La polizia ha perquisito l’unità a Sandwell il 18 maggio sulla base di informazioni di intelligence che li hanno portati a credere che fosse usata come fattoria di cannabis.

Molte persone stavano visitando l’unità in vari momenti della giornata, ha detto la polizia, aggiungendo che erano visibili numerosi cavi e condotti di ventilazione. Anche un drone della polizia ha rilevato molto calore proveniente dall’edificio.

Inizialmente, la polizia credeva si trattasse della solita produzione illegale di cannabis, dato che gli elementi c’erano tutti. Tuttavia, gli agenti hanno trovato circa 100 computer, al posto della classica piantagione.

“Non è certamente quello che ci aspettavamo”, ha ammesso in una nota Jennifer Griffin, sergente di polizia di Sandwell. “Aveva tutte le caratteristiche di un impianto di coltivazione della cannabis e credo che sia solo la seconda miniera di criptovalute del genere che abbiamo incontrato nelle Midlands occidentali”.

I minatori di bitcoin utilizzano computer costruiti appositamente per risolvere complesse equazioni matematiche che consentono in modo efficace il completamento di una transazione bitcoin. I minatori vengono premiati per i loro sforzi nella valuta digitale.

Tuttavia, l’intero processo è incredibilmente dispendioso in termini di energia a causa della quantità di energia utilizzata dai computer. Bitcoin ha un’impronta di carbonio paragonabile a quella della Nuova Zelanda, producendo 36,95 megatoni di CO2 all’anno, secondo Digiconomist.

Quello che so è che l’estrazione di criptovalute non è di per sé illegale, ma sottrae chiaramente elettricità dalla rete elettrica per alimentarla”, ha affermato Griffin.

Il materiale informatico è stato sequestrato ma non sono stati effettuati arresti.

Vi aggiorneremo sulle novità su Bitcoin. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Per iscriverti su eToro clicca qui e visita il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here