Bitcoin Death Cross: potrebbe essere un segnale di acquisto contrario?

Molti trader hanno deciso di fermare le loro operazioni, dopo che hanno individuato sul grafico giornaliero di Bitcoin una Death Cross. Tuttavia questo particolare segnale potrebbe indicare una tendenza contraria di acquisto.

Infatti la successione di brusche e repentine correzioni relative al Bitcoin, partite dal massimo storico di 64.900 dollari, ha modificato il sentimento generale degli investitori. Di conseguenza molti trader avrebbero un approccio negativo alla criptovaluta, soprattutto in un’ottica di breve termine.

Al contrario però, degli analisti sostengono che potrebbe esserci una nuova ricaduta, ma il modello di Death Cross deve ancora essere completato. In ogni caso questo particolare sentimento negativo, temuto addirittura da alcuni investitori, produce negatività che potrebbe provocare un vero e proprio panico da vendita.

Cerchiamo quindi di capire se la Death Cross è un semplice segnale da temere o piuttosto è un segnale che indica ai trader l’arrivo di un crollo.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Se volete investire sulle criptovalute ecco le migliori piattaforme che consigliamo:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Social trading, copy trading
66% dei conti al dettaglio perde soldi
Copy fundsISCRIVITI
Servizio CFD
72% dei conti al dettaglio perde soldi
Conto demo illimitatoISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali gratisISCRIVITI
Bonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Cos’è una Death Cross

Una Death Cross si forma quando una media mobile di periodo più veloce, si incrocia sotto la media mobile a lungo termine. Il risultato di questo “incontro” punta al ribasso, e ciò significa che il segnale indica l’inversione di marcia della tendenza.

Ecco un esempio di death cross:

In genere gli investitori più grandi non comprano quando il mercato è in calo, e si muovono solo quando non viene confermato un fondo. Di conseguenza gli acquisti si prosciugano e i trader che detengono posizioni abbandonano l’investimento a causa del panico, peggiorando ancora di più il trend di declino.

In ogni caso prima di analizzare alcuni esempi di momenti di Death Cross del settore crittografico, è importante notare come questo segale abbia colpito i mercati tra 1929 e 2019. secondo gli analisti di Dorsey, Wright & Associates, la caduta media dopo la formazione del segnale è del 12,57% e la caduta mediana è molto inferiore al 7,75%. Tuttavia, se si considera solo il periodo post-1950, la caduta media è inferiore al 10,37% e la mediana è al 5,38%.

L’accuratezza del Death Cross

Mentre queste cifre non sono sorprendenti, specialmente per i trader di criptovalute abituati alla volatilità, la convergenza ribassista di queste due medie mobili non dovrebbe essere presa alla leggera.La storia mostra che l’incrocio della morte ha portato in alcuni casi a massicci cali negli indici del mercato azionario statunitense.

Dopo l’incrocio della morte del 19 giugno 1930, l’S&P 500 è crollato del 78,84% prima di toccare il fondo il 15 settembre 1932. La successiva terribile croce della morte è arrivata con una correzione del 53,44% che si è verificata dal 19 dicembre 2007 al 17 giugno 2009. Questo mostra come in alcuni casi selezionati, la croce della morte è stata in grado di prevedere una forte correzione.

Tuttavia, due bruschi cali di oltre il 50% in 90 anni di storia suggeriscono che il modello non sia abbastanza affidabile per instillare paura immediata nei trader.

La Death Cross più recente

Il caso di Death Cross più recente è stato rilevato nel marzo del 2020, quando la coppia BTC/USD ha chiuso al valore di circa 6.758 dollari. Tuttavia questo segnale si è rivelato particolarmente interessante, capace di indicare l’acquisto contrario, anche e la coppia aveva formato, solo due settimane prima, un picco negativo di circa 3.858 dollari.

Prima ancora la coppia aveva formato una Death Cross il 26 ottobre 2019, quando il prezzo ha chiuso a 9.259,78 dollari. In altri casi dopo il Cross, la coppia ha toccato il fondo a 6.430 dollari, subendo un ulteriore calo del 30%. Dal massimo di 13.868,44 dollari al minimo di 6.430 dollari, il calo totale è stato all’incirca del 53%.

I casi di cui sopra mostrano come la Death Cross si verifica in ritardo nel ciclo del mercato e gli investitori che aspettano che il modello si formi restituiscono molti profitti. Allo stesso tempo, iniziare le scommesse ribassiste può funzionare per i trader a breve termine, ma potrebbe rivelarsi dannoso per gli investitori a lungo termine.

Ecco invece cosa è successo nel 2021 proprio a Bitcoin:

come possiamo vedere la media mobile a 200 periodi ha incrociato quella a 50 periodi.

I punti chiave da prendere in considerazione

Gli esempi mostrano come la Death Cross sia un pattern in ritardo, che si forma quando gran parte del declino è già avvenuto. In genere, gli investitori a lungo termine non hanno bisogno di farsi prendere dal panico se individuano una Death Cross sui grafici giornalieri.

Questo segnale infatti può essere utile e aiuta ad essere più attenti, senza considerare che semplifica le modalità per preparare il proprio portafoglio a posizioni imprevedibili. Perciò le Death Cross possono anche essere utilizzate come segnale contrario, e di conseguenza aiutano i trader a individuare lo stato del mercato e altre indicazioni del grafico per individuare un possibile fondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here