Bitcoin ancora concentrati in poche mani: ciò ne blocca il rally?

Come noto, il prezzi di bitcoin e delle criptovalute in generale sono aumentati esponenzialmente quest’anno, spingendo il mercato combinato delle criptovalute a oltre 2,6 trilioni di dollari.

Il prezzo diBitcoin è aumentato di quasi il 400% da questo periodo dell’anno scorso, salendo a oltre $ 60.000. Tuttavia, non riesce a reggere questo livello, finendo ogni volta per ritracciare.

Bitcoin è una delle principali criptovalute per capitalizzazione oltre ad essere una delle più cercate di tutto il settore.

E’ possibile negoziare su BTC anche sulla piattaforma di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito)..

Si tratta di uno dei broker più apprezzati in assoluto anche grazie alla funzione di Copy trading che l’ha reso celebre. Questa consente infatti di copiare dai migliori trader in pochi passaggi. Per aprire un conto reale bastano appena 50$.

Per attivare un conto gratuito su eToro clicca qui per il sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Come spiegare l’andamento del prezzo di BTC

Perché accade ciò? Cercano una spiegazione gli analisti del National Bureau of Economic Research ha scritto:

I nostri risultati suggeriscono che, nonostante la significativa attenzione che bitcoin ha ricevuto negli ultimi anni, l’ecosistema bitcoin è ancora dominato da giocatori grandi e concentrati, che si tratti di grandi minatori, detentori di bitcoin o scambi“.

Per poi proseguire:

Questa concentrazione intrinseca rende il bitcoin suscettibile al rischio sistemico e implica anche che la maggior parte dei guadagni derivanti da un’ulteriore adozione rischia di cadere in modo sproporzionato su un piccolo gruppo di partecipanti“.

I ricercatori hanno scoperto che i più grandi 10.000 possessori di bitcoin detenevano quasi da soli un terzo del totale. Pari a 18,6 milioni di criptomonete in circolazione alla fine del 2020. Con un alto grado di concentrazione tra gli scambi di criptovalute e i cosiddetti minatori, quelli che assicurano la blockchain di bitcoin in cambio di -monete coniate.

Il 10% superiore dei minatori controlla il 90% della capacità di mining di bitcoin, con solo lo 0,1%, circa 50 minatori in tutto, che contribuiscono al 50% di questa.

Si spingono oltre i ricercatori Igor Makarov e Antoinette Schoar:

Questa misurazione della concentrazione molto probabilmente è un eufemismo poiché non possiamo escludere che alcuni degli indirizzi più grandi siano controllati dalla stessa entità”. Aggiungendo che, secondo loro, probabilmente sono tutti controllati dal misterioso creatore di bitcoin Satoshi Nakamoto, ma sono distribuiti su circa 20.000 indirizzi diversi.

I ricercatori hanno avvertito che livelli di concentrazione così elevati significano che la rete bitcoin è suscettibile di un cosiddetto attacco del 51%, in cui i minatori potrebbero colludere per invertire le transazioni.

Uno scenario del genere si è verificato nel 2014 quando la mining pool Ghash.io ha controllato brevemente il 51% di tutta la potenza di elaborazione della rete bitcoin.

I rally di bitcoin preoccupano ancora regolatori e banche centrali

Il massiccio rally di bitcoin e criptovalute di quest’anno, che ha portato il mercato combinato da circa 700 miliardi di dollari a oltre 2,5 trilioni di dollari, ha suscitato preoccupazione tra i regolatori e i banche centrali che temono che un crollo possa essere imminente.

All’inizio di questo mese, l’influente banchiere centrale Jon Cunliffe, attualmente vice governatore della Banca d’Inghilterra per la stabilità finanziaria, ha avvertito “un massiccio crollo dei prezzi delle criptovalute [è uno] scenario plausibile” e ha chiesto la rapida crescita di bitcoin e criptovalute. Mercato deve essere urgentemente regolamentato per evitare che diventi una minaccia per il più ampio sistema finanziario.

Nonostante gli avvertimenti e il calo di bitcoin sotto i $ 60.000, i trader di bitcoin e criptovalute rimangono ottimisti.

I rialzisti stanno ancora puntando a una fine dell’anno a tre cifre, anche se da qualche parte tra $ 70.000 e $ 90.000 è probabilmente più realistico, con tre cifre che potrebbero traspirare verso la fine del primo trimestre del 2022“. A dirlo è Tim Frost, Ceo dell’app di trading Yield.

Nonostante ciò, una recente ricerca condotta da Forbes, che ha interpellato 50 esperti di bitcoin e criptovaluta ha previsto che il prezzo del bitcoin continuerà a salire fino al 2021. Raggiungendo massimi di circa $ 80.000, prima di salire a $ 250.000 entro il 2025 e l’incredibile cifra di $ 5 milioni per bitcoin entro il 2030.

Il nuovo massimo storico raggiunto da Bitcoin è di $ 66.930,39, ma al momento della scrittura è sceso sotto i 60mila dollari.

Ecco la quotazione attuale:

In Germania all’asta Bitcoin sequestrati

I pubblici ministeri tedeschi hanno tenuto un’asta per vendere bitcoin sequestrati dalle forze dell’ordine, attirando persone che cercavano di acquistare la criptovaluta con uno sconto.

Secondo Bloomberg, l’offerta minima richiesta era di 42.400 euro (49.197 dollari) nell’asta che ha avuto inizio lunedì ed è stata annunciata dal ministero della Giustizia del Nord Reno-Westfalia.

Bitcoin durante la sessione di lunedì è stato scambiato sopra $ 63.000, in aumento di quasi il 5%. Il primo offerente nell’asta tedesca ha offerto 56.060 euro ($ 65.010).

Decine di milioni di euro di bitcoin sono stati messi in vendita lunedì dopo che la criptovaluta è stata sequestrata in relazione a crimini, incluso il crimine informatico che si è verificato su Darknet.

Un annuncio su Twitter dell’asta ha scatenato una frenesia quando 4.000 nuovi utenti si sono registrati sulla piattaforma di aste, ha riferito Bloomberg. I proventi andranno al tesoro del Nord Reno-Westfalia, afferma il rapporto della Süddeutsche Zeitung.

I pubblici ministeri devono organizzare un’asta per la criptovaluta come fanno per altri oggetti di grande valore che le forze dell’ordine prendono in suo possesso, come auto di lusso ed elicotteri. Le autorità del più grande stato tedesco nel corso degli anni hanno sequestrato bitcoin per decine di milioni di euro.

The Bitcoin Fund sbarca sul sul Nasdaq Dubai: primo caso in Medioriente

Il Bitcoin Fund (QBTCu.TO), un veicolo di investimento chiuso con sede in Canada, ha ricevuto l’approvazione normativa dalla Dubai Financial Services Authority (DFSA). Il fondo ha debuttato sul Nasdaq il 23 giugno 2021 ed è diventato il primo fondo di asset digitali quotato in Medio Oriente.

L’obiettivo del fondo è fornire agli investitori un’esposizione a Bitcoin (BTC) e alle variazioni giornaliere dei prezzi di Bitcoin in dollari statunitensi, nonché un apprezzamento del capitale a lungo termine. Il fondo è un portafoglio diversificato di attività digitali che investe in Bitcoin e strumenti del mercato monetario denominati in dollari USA.

Un rapporto di Trade Arabia afferma che il Bitcoin Fund è ora in grado di quotare fino a $ 200 milioni di unità sul Nasdaq Dubai, dopo la sua approvazione da parte del DFSA. Ciò consente al primo prodotto basato su criptovalute della regione, quotato su una piattaforma regolamentata, di soddisfare la crescente domanda degli investitori istituzionali. Il Bitcoin Fund sarà disponibile per gli investitori di tutti i livelli, dalle grandi banche ai singoli trader.

Nasdaq Dubai è la prima borsa valori ufficiale del Medio Oriente ad offrire questo nuovo servizio, che fa parte del suo impegno ad abbracciare il fintech.

Il DFSA sta tentando di affermarsi come un regolatore innovativo per la regione concentrandosi su nuove tecnologie e soluzioni finanziarie innovative che possono aiutare a guidare la crescita economica. L’autorità ha recentemente annunciato nuove regole per gli investimenti in criptovalute.

Previsioni Bitcoin: conclusioni

Naturalmente vi terremo aggiornati su tutti i cambiamenti di prezzo di BTC e altre criptovalute con le nostre news quotidiane.

Se volete investire in criptovalute in modo serio e sicuro potete utilizzare una delle migliori piattaforme a disposizione che è eToro, un broker regolamentato che offre tra le altre cose:

  • conto demo illimitato e gratuito
  • deposito più basso del settore
  • commissioni e spread basse
  • funzionalità avanzate di CopyTrading per copiare da altri investitori
Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here