3 fattori che potrebbero proiettare il prezzo di Ethereum a guadagni del 100%

Ci sono alcuni indicatori rialzisti, tre per la precisione, che avrebbero individuato un futuro trend rialzista per Ethereum.

L’uscita di questa notizia arriva mentre il token Ether sale di oltre il 9%, superando la quota di 3.500 dollari, lasciando in visibilio i suoi sostenitori. Si tratta infatti di un token nativo con il potenziale per raddoppiare la sua valutazione di mercato nei prossimi mesi, grazie ad una confluenza di indicatori tecnici e fondamentali di supporto.

Infatti il prezzo di Ether è salito di oltre il 9% per la prima volta in 10 giorni. E questo ha portato i suoi guadagni a riemergere sulla scia di un rimbalzo dei prezzi di tutte le criptovalute principali. Tra queste troviamo ovviamente Bitcoin (BTC), che ha guadagnato il 9,5% per raggiungere 55.000 dollari, il suo livello più alto in 10 giorni.

Per fare trading sulle criptovalute è consigliabile sfruttare le piattaforme CFD come ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) che offre il trading sulle principali criptovalute in circolazione.

Per saperne di più sui servizi di eToro potete visitare il sito ufficiale qui.

Correlazione Ether-Bitcoin e inflazione statunitense

Il boom del mercato delle criptovalute ha coinciso con il rilascio del rapporto del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sulla spesa dei consumatori.

I dati mostrano che l’indice dei prezzi delle spese di consumo personale degli Stati Uniti, la misura preferita dalla Federal Reserve per l’inflazione, è aumentato dello 0,3% in agosto ed era in aumento del 3,6% su base annua. Così, l’inflazione di base è salita ai livelli più alti degli ultimi 30 anni.

Gli speculatori tendono a trattare Bitcoin come una copertura contro l’inflazione, il che spiega l’ultima risposta della criptovaluta di riferimento all’aumento dei prezzi al consumo negli Stati Uniti. Nel frattempo, la correlazione media a 30 giorni di Ether con il Bitcoin si trova vicino a 0,89, come da dati di CryptoWatch, che ha portato ETH a muoversi quasi di pari passo con BTC.

Un sondaggio dell’Università del Michigan condotto tra il 25 agosto e il 27 settembre ha rilevato che le aspettative di inflazione a lungo termine tra i consumatori statunitensi sono salite al 3%, il più alto in un decennio.

Il risultato è apparso in contrasto con le opinioni del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, che aveva descritto l’aumento dell’inflazione come “transitorio” per mesi, ma ha ammesso durante una recente audizione al Senato che i prezzi al consumo più elevati potrebbero rimanere intatti almeno fino al prossimo anno.

Compressione dell’offerta

Il 5 agosto Ethereum è passato attraverso un aggiornamento dell’hard fork di rete che ha ulteriormente aumentato le prospettive rialziste per Ether, a causa della classica legge della domanda e dell’offerta.

Superata con successo l’hard fork di Londra, l’aggiornamento ha introdotto un protocollo di miglioramento, EIP-1559, che ha avviato la combustione di una parte della tassa di rete di Ethereum, chiamata tassa di base. Finora, l’attivazione di EIP-1559 ha rimosso definitivamente 410.404 ETH (circa 1,32 miliardi di dollari) dall’offerta attiva.

Ethereum si sta anche preparando a cambiare il suo meccanismo di consenso da proof-of-work (PoW) a proof-of-stake (PoS). Di conseguenza, ha lanciato un pool di pali che consentirà agli utenti di guadagnare premi e far crescere il loro patrimonio di ETH se bloccano 32 ETH nello smart contract ufficiale PoS per un certo periodo.

Finora, la quantità di ETH depositati nel contratto di staking di Ethereum 2.0 è aumentata da circa 11.500 nel novembre 2020 a 7,82 milioni di ETH oggi. Detto questo, la transizione ha effettivamente rimosso temporaneamente 7,82 milioni di ETH dalla circolazione. D’altra parte, la quantità totale di token Ether detenuti in tutti gli scambi di criptovalute è scesa ai minimi storici.

I dati di CryptoQuant mostrano che gli scambi ora detengono solo 18,1 milioni di ETH rispetto ai 23,73 milioni di ETH di un anno fa. Il calo delle riserve di ETH mostra che gli investitori potrebbero voler tenere i loro token Ether piuttosto che venderli per altre attività, in quanto potrebbe esserci una compressione dell’offerta per gli investitori che cercano di entrare nel mercato Ether, rendendo così ETH più prezioso.

Il mix giusto per Ethereum

Un mix di minore offerta e maggiore domanda serve da supporto rialzista per il prezzo di Ether. Nel frattempo, ulteriori prove per un breakout al rialzo provengono da un modello a coppa e maniglia sui grafici a più lungo termine di Ether.

La cup e handle è un modello di continuazione rialzista, che comprende un fondo arrotondato e una configurazione di canale discendente, come mostrato nel grafico qui sotto. L’obiettivo di profitto della struttura è di norma ad una lunghezza pari all’altezza massima della cup.

Considerando che il livello di resistenza della coppa è vicino ai 4.000 dollari, un breakout da lì potrebbe mandare ETH sopra i 6.000 dollari, quasi il doppio del prezzo attuale.

Ecco la quotazione attuale di Ethereum:

Ethereum in rialzo: conclusioni

Vi aggiorneremo sulla situazione di Ethereum. Nel frattempo se volete investire in criptovalute con piattaforme sicure vi consigliamo il broker eToro, un broker regolamentato con cui negoziare sulle principali criptovalute.

Iscriviti subito su eToro per iniziare a investire in criptovalute cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here